lunedì 8 ottobre

di | 7 Ottobre 2018

la notte della sapienza chagall Qoelet 10,1-7

[1]Una mosca morta guasta l’unguento del profumiere:
un pò di follia può contare più della sapienza e dell’onore.

[2]La mente del sapiente si dirige a destra e quella dello stolto a sinistra.

[3]Per qualunque via lo stolto cammini è privo di senno e di ognuno dice: «E’ un pazzo».

[4]Se l’ira d’un potente si accende contro di te, non lasciare il tuo posto, perché la calma placa le offese anche gravi.

[5]C’è un male che io ho osservato sotto il sole: l’errore commesso da parte di un sovrano: [6]la follia vien collocata in posti elevati e gli abili siedono in basso. [7]Ho visto schiavi a cavallo e prìncipi camminare a piedi come schiavi.

Commento

Questi testi rivelano la verità della vita e della storia: vi è come la distruzione completa di ogni autosalvezza e di autogiustificazione. Tutto è vero, ma anche il contrario può essere vero. Il saggio è saggio, ma lo stolto a volte vince. Insomma l’uomo non si salva da sé. Qoelet porta la realtà della storia verso una tensione massima, quella tra bene e male, quella tra saggio e stolto. Qoelet si colloca la dove ci sono il massimo delle contraddizioni e delle fragilità umane. E prova a partire da questo per costruire il suo pensiero. Anche noi dovremmo non partire dalle nostre certezze, ma dalle nostre fragilità e trovare risposte ultime proprio da qui. Il saggio resta quindi un testimone prezioso della condizione umana durante questi ultimi tempi e noi cristiani dovremmo leggerlo molto di più, perché ha ancora un messaggio da trasmetterci, di questi tempi che sembrano gli ultimi. La visione di qoelet è un mondo ribaltato dove gli schiavi vanno a cavallo e i principi a piedi come schiavi. Qoelet si propone in questi ultimi capitoli di verificare se dentro queste contraddizioni e limiti esiste qualcosa che non è soffio, ma che rimane.

Preghiamo

Preghiamo per la pace nel mondo

3 pensieri su “lunedì 8 ottobre

  1. srAlida

    La calma placa le offese…….il saggio rimane il testimone fedele….Signore donaci calma e saggezza ,rendici testimoni della tua carità .Preghiamo per pace del mondo .

    Rispondi
  2. sr Rita

    Quanto Qoelet dice del saggio e del potente è sotto i nostri occhi anche oggi. Signore dona un poco di saggezza a chi è in alto poiché da lui dipende il bene di molti.

    Rispondi
  3. . Elena

    Qoelet saggio antico e moderno, come solo chi è saggio può esserlo perché attraversa la vita e le vicende umane di ogni tempo, di ogni storia, di ogni umanità leggendone i punti di forza e di debolezza. Signore dacci un poco di saggezza per attraversare la vita e i nostri tempi difficili oggi come allora, stolti , distorti e ingannevoli come allora. Affinché ciò che ha senso ed è buono possa costrire e rimanere e non perdersi nel vento. Prego con tenacia per la pace, che passa dalla nostra saggezza e dal desiderio di costruire ponti e apire cuori, occhi e porte. Preghiamo per la sorte del Brasile.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.