lunedì 6 Marzo

di | 5 Marzo 2017

fiori Matteo  12,22-30          

 22 In quel tempo fu portato a Gesù un indemoniato, cieco e muto, ed egli lo guarì, sicché il muto parlava e vedeva. 23 Tutta la folla era sbalordita e diceva: «Che non sia costui il figlio di Davide?». 24 Ma i farisei, udendo questo, dissero: «Costui non scaccia i demòni se non per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni». 25 Egli però, conosciuti i loro pensieri, disse loro: «Ogni regno diviso in se stesso cade in rovina e nessuna città o famiglia divisa in se stessa potrà restare in piedi. 26 Ora, se Satana scaccia Satana, è diviso in se stesso; come dunque il suo regno potrà restare in piedi? 27 E se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. 28 Ma, se io scaccio i demòni per mezzo dello Spirito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio. 29 Come può uno entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega? Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa. 30 Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde.

Commento

In nome di chi Gesù fa i miracoli ? in nome di Beelzebul il capo dei demoni o di altro? Questo è il grande dubbio dei farisei. Loro non guardano alla grazia di Gesù, credono solo alla divisione, alla legge, alla falsità. Gesù proclama che quello che Egli sta compiendo è segno e attuazione dell’irrompere del Regno di Dio nella storia umana, tenuta prigioniera dal signore del male e della morte. Il Liberatore e Salvatore del mondo è finalmente tra noi! Mi permetto di sottolineare questo punto, perché trovo molto sbagliato questo continuo scandalizzarsi e questo continuo giudicare  le situazioni e le persone. Che il mondo sia prigioniero è un dato di fatto e un punto di partenza. E’ inutile, ma è anche sbagliato, questo continuo “scandalizzarsi” per il male. Il mondo ne è prigioniero e la nostra fede ci chiede di non giudicare, ma di operare per la liberazione e la salvezza. Questa è l’opera che Gesù è venuto a compiere tra noi e che ha anche a noi affidato. Piuttosto dobbiamo rattristarci per come noi, discepoli di Gesù, siamo ribelli e tardi nei confronti dell’opera di salvezza che Egli compie in noi e per noi e che ci ha affidata come compito della nostra vita di cristiani. Serve solo una cosa: riconoscere questa opera buona di Gesù.

Preghiamo

Preghiamo per tutti gli ammalati e le loro famiglie.

3 pensieri su “lunedì 6 Marzo

  1. sr Rita

    l sospetto dei farisei un poco ci apparitene. Chissà perché ci lasciamo trascinare dal dubbio, dal giudizio, dal sospetto e non riusciamo a vedere il bene, raccogliere con Gesù il bene seminato nelle persone e nei gesti…Disperdiamo energie, tempo, opportunità….Preghiamo perché il nostro modo di guardare e giudicare sia secondo lo sguardo di Gesù.

    Rispondi
  2. Elena

    Occupiamo molta parte della nostra vita ad osservare e a giudicare giusto o sbagliato ciò che ci circonda. Facciamo fatica nel riconoscere il bello e il buono delle persone e degli eventi. Sempre dubbiosi e diffidenti… Facciamo fatica a lasciarci abitare da Te, Signore, perché ancora non Ti riconosciamo. Così davvero disperdiamo tempo, energie, opportunità e non accogliamo il bene che ci viene offerto. In fondo, troviamo tanti modi per complicarci la vita. Spesso penso che abbiamo perso la purezza e quello sguardo trasparente e luminoso da bambini….
    Prego per coloro che invece lo mantengono o lo ricercano, ritrovandolo poi in Te, Signore Gesù. Mi unisco alle intenzioni di preghiera di ciascuno….

    Rispondi
  3. sr Alida

    Ogni regno diviso in se stesso va in rovina…Gesu’ visita la nostra storia per unificare la vita a ciò che piu’ conta ,per ricomporre,avvolgere di misericordia ogni vicenda …Ci doni Egli stesso ,di non giudicare ,ma di saper portare la speranza che avvolge senza rumore i nostri giorni e ci riempiamo del Suo sguardo …raccolga ogni nostra intenzione ,di bene e Mi unisco alla preghiera per gli ammalati e le famiglie di ritorno a Lui …

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.