lunedì 4 maggio

di | 3 Maggio 2020

Lc 21,29-38        

29E disse loro una parabola: «Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: 30quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. 31Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino. 32In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. 33Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. 34State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; 35come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. 36Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo». 37Durante il giorno insegnava nel tempio; la notte, usciva e pernottava all’aperto sul monte detto degli Ulivi. 38E tutto il popolo di buon mattino andava da lui nel tempio per ascoltarlo.

Commento

Questa parola è attualissima per i nostri giorni. Osservate, guardate bene a che cosa sta succedendo. Guardate il tempo che scorre, guardate la storia come si dipana nel tempo e da questo cercate di capire come bisogna comportarsi. guardate anche i piccoli segni come gli alberi e i loro germogli. Non guardate solo ai fatti straordinari. Insomma Gesù ci chiede di non perdere questa occasione così grande che è il discernimento del tempo presente, dei segni dei tempi. Non torniamo a come eravamo prima. Siamo chiamati alla vigilanza, alla sapienza. Queste qualità sono le qualità per vivere bene il tempo presente e futuro. Vigilanza su noi, sulla vita, sul mondo. Sapienza nel decidere, nell’agire, nel progettare il futuro. Questa è allora la grande prova della fede. Bisogna vivere “in avanti”, stando attenti a non lasciarsi vincere dalla fatica e dal dramma della storia. In avanti, non indietro, come talvolta può sembrare! Ma aggiunge anche un altro particolare, pregate. la preghiera non è quella ripetitiva, ma è l’ascolto quotidiano della Parola, perché attraverso questo ascolto impariamo ad agire da figli di Dio, che cercano il regno, cioè la misericordia di Dio. Con la preghiera siamo chiamati a stare fin d’ora alla sua presenza, con l’incessante conversione del cuore, con il lieto annuncio del Vangelo, e con la potenza nuova e meravigliosa dell’amore. Ma con la preghiera siamo chiamati anche a stare dentro la nostra storia guidati dalla forza e dalla sapienza del vangelo.

Preghiamo

Preghiamo perché il nuovo inizio possa essere vissuto con responsabilità e prudenza.

3 pensieri su “lunedì 4 maggio

  1. sr rita

    La ripresa graduale delle attività sa accompagnata dall’esperienza vissuta e da ciò che ci ha insegato. Leggere i segni dei tempi che si rivelano nei particolari del quotidiano.. E quanti ne abbiamo a disposizione ogni giorno.

    Rispondi
  2. srAlida

    State attenti a voi stessi ,fondatevi sulla Sua Parola ,prudenti e responsabili per un cammino migliore ,da cogliere in tanti aspetti ,affinchè tutto passi all’nsegna della preghiera ,e ci ristabilisca nel nostro quotidiano nuovo …Per questo nuovo inizio ti preghiamo ,Signore

    Rispondi
  3. Elena

    Resta con noi, Signore, ogni momento. La storia insegna, ma Tu dacci la sapienza perché sappiamo leggerla e farne tesoro, con lo sguardo rivolto in avanti e con il desiderio di una vita che, anche su ciò che accade, possa costruire qualcosa di bello e di significativo.
    Ti preghiamo per tutti noi, donne e uomini in cammino.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.