lunedì 25 maggio

di | 24 Maggio 2015

 

Un home2cambiamento

Terminato il tempo pasquale e dopo un anno che commentiamo insieme la parola del Signore,  attraverso la lettura quotidiana che la liturgia ci propone, ho pensato che si può provare a fare un’altro tipo di esperienza: incominciare a leggere e commentare i libri della Bibbia uno alla volta. Lo faccio sapendo bene di non essere un esperto della parola di Dio e quindi spero di farlo nella maniera più umile e semplice possibile. Vorrei che nelle parole di commento potesse risuonare la vita quotidiana. E vorrei che in molti potessero commentare i testi con le proprie parole. Nessuno qui è l’esperto, tutti facciamo i conti con la vita e con la scrittura sacra.

Il primo libro che leggeremo e commenteremo insieme sarà la prima lettera di Giovanni, perché in essa è contenuta l’essenza della rivelazione Cristiana: Dio è amore.

Ogni giorno troverai un brano di un commento. Ogni giorno potrai leggere, pregare e commentare il brano proposto. Per aiutare coloro che leggono il vangelo quotidiano troverai anche il vangelo del giorno. Quindi riassumendo: Vangelo, 1 lettera di Giovanni con commento.

La speranza è che ciascuno possa continuare a leggere e commentare come abbiamo fatto fino ad ora. Per questo primo giorno ti prego semplicemente di leggere queste righe e di esprimere il tuo parere. Da domani quindi inizieremo con la 1 Lettera di Giovanni

Inoltre nella sezione del blog chiamata news periodicamente troverai anche delle piccole note di introduzione al testo che stiamo leggendo.

vangelo del Giorno Marco 10,17-27

In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre”». Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni. Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio»

8 pensieri su “lunedì 25 maggio

  1. Mariaelena

    A me fa piacere iniziare a leggere libri della Bibbia. Nel lento tempo quotidiano piccoli squarci che ci accompagneranno nelle faccende della vita, domande, o risposte che arriveranno, pensieri che nasceranno….mi sa di incarnazione.
    Grazie.

    Rispondi
    1. laura Fumagalli

      Bella questa idea.. ogni giorno sarà un seme in più nelle nostre vite ed il puzzle si completerà di tessere .. che bello sarebbe meditare insieme tutto il Vangelo !

      Rispondi
  2. suor Rita

    Mi fa piacere pensare che ci accomp0agneremo vicendevolmente seguendo uno dopo l’altro i libri della Scrittura. Sarà una lettura orante che illuminerà il cammino di ogni giorno. Grazie Don Sandro.

    Rispondi
  3. Elena

    Sono d’accordo Don, su questa nuova evoluzione del cammino di meditazione. E’ bello per me essere qui….
    Riprendendo il brano di Giovanni, mi soffermo su questo sguardo pieno di amore, di conoscenza dell’essere umano e di comprensione. Uno sguardo che parla di condivisione e di un amore che non può essere completo se non passa attraverso gli altri, i poveri, i più soli e bisognosi. Che ne sarà stato di questo uomo? Dio lo ha amato comunque e gli ha lasciato la libertà si scegliere. Però, al di sopra delle nostre scelte, c’è e resta sempre Dio, cui tutto è possibile!
    Che bello sapere che che anche la salvezza è un regalo di Dio, come la vita stessa e le sue molteplici ricchezze!!!
    Vorrei pregare per i poveri e per coloro che, al contrario, sono troppo attaccati alle cose che possiedono.
    Buona settimana a tutti, un sorriso, Elena

    Rispondi
  4. silvia coter

    Ottimo! Che lo Spirito Santo ci illumini e guidi menti e cuori in questo nuovo cammino! Pronti via! E grazie don Sandro!

    Rispondi
  5. marpy

    Ok don Sandro, così mi aiuti ad uscire almeno in parte dalla mia “ignoranza biblica”… Grazie della tua perseveranza!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.