Lunedì 17 aprile

di | 16 Aprile 2017

 Lunedì dell’angelo – Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno». Mentre esse erano in cammino, ecco, alcune guardie giunsero in città e annunciarono ai capi dei sacerdoti tutto quanto era accaduto. Questi allora si riunirono con gli anziani e, dopo essersi consultati, diedero una buona somma di denaro ai soldati, dicendo: «Dite così: “I suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato, mentre noi dormivamo”. E se mai la cosa venisse all’orecchio del governatore, noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni preoccupazione». Quelli presero il denaro e fecero secondo le istruzioni ricevute. Così questo racconto si è divulgato fra i Giudei fino a oggi.

Commento

ancora per oggi leggiamo e commentiamo i vangeli della resurrezione, da domani ricominceremo con il commento al vangelo di Matteo.
In questi giorni ci accompagnano le apparizioni di Gesù, raccontate dai quattro evangelisti. Esperienze personalissime di Dio, sono i racconti di come le donne e i discepoli pensano e vedono la resurrezione. Ma in questi racconti vi sono anche tutte le esperienze di resurrezione dei discepoli che incontrano la resurrezione di Gesù. Sono circa una decina di narrazioni disseminate nel nuovo testamento. Oggi meditiamo quella del Vangelo di Matteo: le donne erano andate al sepolcro e lo avevano trovato vuoto. Corrono a casa per raccontare il fatto e mentre sono sulla strada Gesù appare loro. Le donne stano correndo su una via che si rivela di Cristo, del risorto! Lo cercavano da una parte e invece egli è altrove. Lo cercavano in una tomba e invece lui è per strada! Anzi Lui è ora davvero la via!
Le donne si erano spaventate di quel sepolcro vuoto, ma forse in cuor loro già era nato il piacevole dubbio che quel vuoto fosse presupposto di una novità sconcertante. Intuivano che c’era sotto una buona notizia. E l’incontro con Gesù conferma quella notizia come davvero buona. È il vangelo!!! è la loro esperienza di resurrezione! È il nascere alla fede di queste donne!

Preghiamo

preghiamo per tutti i poveri della terra.

3 pensieri su “Lunedì 17 aprile

  1. sr Rita

    Corre chi ha in cuore qualcosa di importante da annunciare. Lo ha fatto Maria quando è andata da Elisabetta. Adesso sono le donne ei discepoli. E tutti hanno la stessa buona notizia: Gesù è in mezzo a noi, Gesù è vivo, Gesù appare e parla e continua ad ammaestrare. Corriamo, ciascuno sulle strade che Dio indica, e annunciamo quello che abbiamo sperimentato nell’incontro con Gesù vivo. Preghiamo per chi vuol correre sulla via della sequela e ente tutta la fatica di questa corsa.

    Rispondi
  2. Elena

    Quando leggo la Parola, immagino sempre un grande fermento e un gran movimento intorno a Gesù. Com’è che siamo così tiepidi? Così statici, così passivi? Credo che l’incontro col Cristo risorto accenda sentimenti vivaci, di corsa, appunto. Una corsa del cuore verso la gioia, una corsa nella vita verso la sua via, sulla sua via…
    Ti chiedo Signore, di lasciarmi correre anche oggi e di lasciarti incontrare.
    Preghiamo per i poveri e gli ammalati….

    Rispondi
  3. sr Alida

    Immagino con il pensiero e con il cuore questo bellissimo incontro con Gesu’ vivo,delle donne ..e faccio memoria dei momenti in cui non in modo così visibile ,e sensibile ,ma con gli occhi della fede mi ha concesso di incontrarlo ….in persone o eventi ..nella natura ….incontri.che fanno bene al mio cammino ,ordinario ,quotidiano e alimentano la vita dentro e la preghiera …Desidero per molti ,come per noi ,che incontrino il Signore ,sopratutto per i piu’ giovani …Di lasciarci nuovamente e sempre incontrare dal Signore .Mi unisco alla preghiera per tutti i poveri e malati ,per chi trova ostacoli o fatiche nella sequela ..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.