Lunedì 13 marzo

di | 12 Marzo 2017

fiori Matteo 13,1-9                                                                                  

1 Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. 2 Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia. 3 Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. 4 Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. 5 Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, 6 ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. 7 Un’altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. 8 Un’altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. 9 Chi ha orecchi, ascolti».

Commento

Inizia una nuova sezione del vangelo di Matteo, quella dedicata alle parabole del regno. Per la mia poca esperienza la ritengo la parte più bella del vangelo. Il regno dei cieli è simile….. paragoni presi dalla natura per parlare di Dio, del suo regno di tenerezza e di misericordia. Ed ecco la madre di tutte le parabole: quella del seminatore e del seme. Compresa questa parabola si comprendono tutte le altre. Queste parabole sono la prova dell’incontro umanissimo tra Gesù e la folla. Sono il racconto dell’umanità di Dio. Sottolineo come l’intero brano è segnato dal gesto del seminatore e dal cadere del seme nei diversi terreni. Dappertutto! Come è certamente varia e indistinta la folla che lo ascolta, altrettanto è ampio il gesto del seminatore al punto di sembrare quasi uno sprecone e un  imprudente. Invece è bello pensare come via sia una  volontà divina di portare il suo dono dappertutto. Il gesto del seminatore è ben più ampio degli stretti confini tra terreni molto diversi. Intanto è importante prendere atto della volontà del Signore di arrivare veramente ad ogni condizione, anche a quelle più evidentemente inadatte o addirittura dannose per il suo dono.  Le vie della spiritualità in genere ci chiedono di uscire dal caos del mondo e di entrare in una specie di pace interiore. Il seme della parola fa invece un percorso al contrario dalla pace del cielo scende nel caos del mondo, mescolandosi con esso. Prospettiva nuova e interessante.

Preghiamo

Preghiamo per la pace nel mondo.

3 pensieri su “Lunedì 13 marzo

  1. Elena

    È molto bella l’immagine dell’ampio gesto del seminatore. Sembra voglia proprio arrivare dappertutto! Ed è bello pensare alla parola di grazia come ad un seme che può entrare in profondità e germogliare, portando poi un frutto ricco. Interessante è riscoprire quale seme è arrivato dentro di noi ed in che modo è germogliato e ha dato frutto. Credo poi che Gesù sia un seminatore instancabile, per darci mille opportunità di essere e diventare terreni adatti….
    Mi unisco alla preghiera per la pace….

    Rispondi
  2. sr Rita

    Il Signore è generoso. Non si preoccupa di sprecare grano. Lo semina su ogni terreno confidando nella bontà dell’accoglienza e nella libertà della risposta. Poi il tempo, la pazienza, la perseveranza dell’attesa feconda che genera nuova vita. Così è in tutte le cose, nelle relazioni. Ci dia il Signore la sua sapiente semplicità e confidenza. Preghiamo per Sr Anna che è in viaggio per l’Italia. Domani sua sorella Clara affronterà un intervento per tumore.

    Rispondi
  3. sr Alida

    Seminatore e seme :un Padre esperto in umanità E’ davvero bello prende le immagini della natura per parlarci del Regno.piu’ comprensibile la Parola,che si espande ovunque,noi abbiamo confini .Lui ha vie imprevedibili dello Spirito…e arriva a suo tempo ad ogni situazione…Mi trovo nel terreno superficiale e vorrei vivere piu’ in profondità …Di cuore prego per la sorella di sr Anna e per lei . Per la pace nel mondo .Una preghiera per la visita fraterna della nostra Madre Generale sr Bakita alla mia comunità .una preghierina anche per noi .Grazie .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.