giovedì 7 novembre

di | 6 Novembre 2019

dal vangelo secondo Luca 1,1-4

Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, 2come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, 3così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, 4in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.

Commento

Ed ecco il vangelo di Luca. Il testo che commenteremo oggi sarà uguale durante tutta l’introduzione al vangelo stesso. Oggi recuperiamo alcuni dati essenziali su chi è Luca. Il Vangelo di Luca è la prima parte di un’opera letteraria che comprende anche gli Atti degli Apostoli. Luca, persona colta è di origine pagana, compagno di missione di Paolo (Col 4,4) come Marco. Scrive il suo Vangelo soprattutto per i pagani intorno all’anno 80, più o meno nello stesso periodo di Matteo. Il Vangelo di Luca si presenta come un grande quadro che ha al suo centro Gerusalemme: si apre infatti con la visione di Zaccaria nel tempio di Gerusalemme, si sviluppa come un grande pellegrinaggio di Gesù verso Gerusalemme, dove si compie il mistero della rivelazione di Dio nella morte e resurrezione di Gesù.   gli atti degli apostoli ripartiranno proprio da Gerusalemme. Luca vive il grande desiderio che la buona notizia di Gesù arrivi a tutti, soprattutto ai pagani come lui. L’evangelista sottolinea l’amore di Gesù per i malati, i peccatori, le donne, gli ultimi. Parabole come il figlio prodigo, la pecora smarrita, il buon samaritano mostrano l’universalità del Vangelo di Gesù e la predilezione del Maestro per i poveri.

Preghiamo

Preghiamo per Chiara

3 pensieri su “giovedì 7 novembre

  1. Sr Rita

    …ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza..
    L’evangelista si responsabilizza nel fare ricerche accurate, non si limita al sentito dire, né vuol inventare cose per il gusto di rendersi famoso.
    La fede non seppellisce l’intelligenza.
    Preghiamo per chi ha talento per scrivere, affinché abbia anche onestà intellettuale.
    Una preghiera e per Angelo e per i suoi figli.

    Rispondi
  2. Elena

    Inizia un nuovo cammino nella Parola, nella conoscenza di questo Gesù che sconvolge le nostre vite, se glielo permettiamo. È bello leggere e comprendere ciò che viene scritto, chiarito, narrato, documentato. La lettura accompagni le nostre giornate, i nostri incontri, i nostri saperi e li amplifichi a 360°…Gesù è andato oltre anche questo sguardo!
    Prego con voi per Chiara, per Angelo e i suoi figli, per Anna e Claudio.

    Rispondi
  3. sr Alida

    Rendersi conto della solidità degli insegnamenti ricevuti ,per annunciare la Buona Notizia del vangelo ,con cuore grato al Signore a don Sandro e a voi , chiedo al Signore sempre più consapevolezza in questo e di non sprecare i doni ricevuti .Prego con voi per Chiara ,perchè chi ha talento sia onesto ,per angelo e figli ,Anna e Claudio,e per Alessandro .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.