giovedì 5 giugno

di | 4 Giugno 2015

home21 Giovanni  – 4,7-14   

7 Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio. 8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. 9 In questo si è manifestato l’amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui. 10 In questo sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati. 11 Carissimi, se Dio ci ha amati così, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. 12 Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l’amore di lui è perfetto in noi. 13 In questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha donato il suo Spirito. 14 E noi stessi abbiamo veduto e attestiamo che il Padre ha mandato il suo Figlio come salvatore del mondo.

Commento

Vorrei che le parole di oggi le potessimo imparare a memoria in modo che possiamo ripeterle quando vogliamo. Le dobbiamo ripetere a  noi stessi. Infatti è bene ricordare quello che oggi ascoltiamo, anche se qualcosa non capiamo, perché il testo ci avverte che la conoscenza non può essere che progressiva, soprattutto perché è conoscenza che nasce e dipende dall’Amore! E se qualcuno ci chiederà conto della nostra fede e della nostra speranza, noi potremo rispondere con queste parole! Mi pare che oggi possiamo concludere con certezza che il comandamento dell’Amore è veramente l’unico comandamento che Gesù ci regala, raccogliendo in esso tutti i comandamenti. Quando lo ascoltiamo dirci “Chi mi ama osserva i miei comandamenti” dobbiamo dunque ricordare che tutti i comandamenti sono le preziose vie e i preziosi segni dell’Amore. Questo possiamo averlo già colto molte altre volte, ma è molto importante prendere atto che oggi la rivelazione di questo si compie e ci è donata al livello supremo, grazie a quella  affermazione semplice e capitale : “DIO E’ AMORE”. Da qui discende l’imperiosità del comandamento dell’amore come ascoltiamo : “Carissimi, amiamoci gli uni gli altri…” e “…dobbiamo amarci gli uni gli altri”. E questo comandamento si impone in modo assoluto appunto per la connessione assoluta tra Dio e l’Amore! Ricordiamo bene  che qui  non si tratta di una “dottrina dell’amore”, ma della grande “storia dell’Amore” che ha avuto in Gesù la sua suprema manifestazione, rivelazione, e attuazione. Non si tratta di una nostra conquista intellettuale o morale, ma del dono di Dio: ha mandato il Figlio nel mondo “perché noi avessimo la vita per mezzo di Lui”.

 Preghiamo

Preghiamo per i ragazzi della nostra scuola e di tante altre scuole che domani inizieranno gli esami.

 Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici». Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

7 pensieri su “giovedì 5 giugno

  1. Luca

    Un brano densissimo, che meriterebbe un mese di riflessione. Mi resta nel cuore l’intreccio continuo DIo – FIglio – Spirito – Amore – Noi: è un continuo rimbalzare da uno all’altro; è impossibile scindere i singoli soggetti, la comunione nell’amore è la sintesi di tutto.

    Buona giornata a tutti!

    Rispondi
    1. elena

      Il comandamento dell’amore. L’unico modo possibile per vivere una vita in pienezza. Il regalo più bello che Dio ci potesse fare. L’esperienza prima ed ultima di ogni vita vissuta. Perché lo sento come l’unica cosa che abbia davvero senso nella mia vita????
      mi unisco alle preghiere di voi tutti e vorrei condividere un pensiero per Bruna , in ospedale…. Un abbraccio. Elena

      Rispondi
  2. suor Rita

    Perché amarci? Non tanto perché c’è un’attrattiva, o perché qualcuno ci dà qualcosa o perché ci aspettiamo un ritorno: amiamoci perché Dio ci ama. Questo “perché” è una radice che non smette mai di darci linfa, energia, senso….Allora anche quando io non riesco a volermi bene, anche quando qualcuno non mi manifesta il bene…posso avere un motivo per amare e lasciarmi amare: Dio ci ama, Dio è amore. Potremmo ritenere queste” belle parole” per illusi: ma io non riesco a trovare altro motivo per vivere ogni giorno la mia missione senza questa esperienza di amore. Sono felice di Dio, sono felice per quello che la vita mi offre e mi chiede. Sono felice per tanta gente che anche in questi primi giorni del mio rientro in Italia mi sta offrendo la bellezza dell’amicizia. Sono proprio felice di far parte dell’amore di Dio.

    Rispondi
  3. Giulio

    Veramente c’è poco da dire dopo la lettura delle Scritture di oggi.
    Si dovrebbe solo leggerle, rileggerle, e leggerle ancora, fermandosi su ogni parola e su ogni frase, senza pensare e riflettere, ma solo immergersi nella Parola che si è fatta e si fa vita.
    Amore, come la vita, fatto di dono, pace, serenità, sapienza, tenerezza, adesione, accoglienza, fermezza, condivisione, libertà, complicità, arrendevolezza, solidità, leggerezza, disponibilità, fatica e dolore.
    Amore e vita: così ci sentiremo dire: “non sei lontano dal regno”.

    Rispondi
  4. silvia coter

    Si, queste parole dovremmo tatuarcele sulla pelle del cuore, stamparle indelebilmente nella nostra mente… : <> Dt 6,4-9

    Rispondi
  5. silvia coter

    Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, il Signore è uno solo. 5 Tu amerai il Signore tuo Dio con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze. 6 Questi precetti che oggi ti dò, ti stiano fissi nel cuore; 7 li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando sarai seduto in casa tua, quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai. 8 Te li legherai alla mano come un segno, ti saranno come un pendaglio tra gli occhi 9 e li scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte

    Rispondi
  6. Tiziana

    Dio è Amore,
    e allora lasciamoci amare ed impegnamoci ad amare allo stesso modo.
    Dio è Amore,
    amiamo… lì è Dio

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.