giovedì 30 aprile

di | 29 Aprile 2020

Lc 20,45-21,4      

 45Mentre tutto il popolo ascoltava, disse ai suoi discepoli: 46«Guardatevi dagli scribi, che vogliono passeggiare in lunghe vesti e si compiacciono di essere salutati nelle piazze, di avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti; 47divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa».
1Alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio. 2Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, 3e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. 4Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».

Commento

Per una volta non commento io. ho letto in questi giorni alcuni testi di C. De Foucauld tra cui proprio il commento a questo brano di vangelo.  eccolo allora il commento. Mi sembra molto bello. “Come sei buono, mio Dio, ad accettare così i doni dei poveri, non soltanto accettarli, ma dichiararli, quando si dona tutto quello che si ha, superiori a quelli dei ricchi, che pur donando molto, non donano tutto il loro vivere… Come sono dolci le tue parole per i poveri, mio Dio, poiché rendi loro possibile, facile, dare quanto i più ricchi. Diamo, come la vedova, tutto il nostro vivere… Siamo generosi… Diamo tutto per Dio…Dio ci restituirà nella misura che ci occorre; ce lo ha promesso: «Cercate il regno di Dio e la sua giustizia e il resto vi sarà dato in sovrappiù»… Abbiamo fede: diamo tutto ciò che Dio vuole che doniamo, senza limite, senza misura… per obbedienza alla sua volontà… per amore per fare ciò che gli piace, prima di tutto… in spirito di fede, convinti che Dio, a causa della parola che ci ha dato, non può mancare di darci tutto quello che ci occorre nella misura che ci occorre (non sempre forse nella misura più gradita per il nostro corpo, ma sempre nella misura più vantaggiosa per la nostra anima)… Siamo dunque generosi! Diamo come la vedova, senza esitare, tutto quello che abbiamo, «tutto il nostro vivere»: lo abbiamo ricevuto da Dio solo. Dio lo richiede e noi non lo doneremmo? Doniamolo generosamente, come ella lo dona…

preghiamo

preghiamo per tutti i medici

Un pensiero su “giovedì 30 aprile

  1. sr Alida

    Grazie don ,non resta che donare noi stessi ,senza calcoli ,come possiamo ….a larghi orizzonti .Mi unisco alla preghiera per tutti i medici

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.