giovedì 21 maggio

di | 20 Maggio 2020

Lc 23,33-34    

33Quando giunsero sul luogo chiamato Cranio, vi crocifissero lui e i malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra. 34Gesù diceva: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno». Poi dividendo le sue vesti, le tirarono a sorte.

Commento

Si tratta di soli due versetti, ma sono il cuore della passione: il momento in cui Gesù è messo sulla croce, è elevato da terra perché tutti possano vedere l’uomo della croce. E con lui ci sono i due malfattori. È il momento in cui Gesù mostra chi è veramente: colui che perdona chi lo ha messo in croce. Anzi il perdono è affidato al Padre: padre perdona loro perché non sanno quello che fanno. L’effetto di questa scena e delle parole sul perdono è di mettere in risalto la missione di Gesù che è venuto a cercare, trovare e salvare ciò che era perduto. La croce porta al culmine tutto il ministero di Gesù, teso a offrire la salvezza e il perdono dei peccati a tutti gli uomini, manifestando l’amore gratuito del Padre. Il perdono del Padre non spazza via l’errore, ma apre possibilità nuova di vita. Il perdono di Dio significa che osiamo affrontare ciò che abbiamo fatto. Osiamo ricordare tutto della nostra vita, con i fallimenti e le sconfitte, con le nostre crudeltà e la mancanza d’amore. Osiamo rammentare tutte le volte in cui siamo stati meschini e ingenerosi. Osiamo ricordare non in modo da sentirci prostrati, ma in modo da aprire la nostra vita alla trasformazione creativa del perdono di Dio invocato dal suo Figlio per noi.

Preghiamo

Preghiamo per i sacerdoti

4 pensieri su “giovedì 21 maggio

  1. sr Alida Pirola

    Il Padre non spazza via la vita,ma apre nuova possibilità.”…Mi unisco alla preghiera per i isacerdoti

    Rispondi
  2. sr rita

    Impressionate sintesi di una morte insensata, che dà senso alla vita e alla morte di tutti noi. Padre, perdona a noi quando non riconosciamo il
    senso di questa morte.
    Si, preghiamo per i sacerdoti. Un ricordo particolare per quelli della mia diocesi e per il Vescovo.

    Rispondi
  3. Elena

    Padre perdona loro….. All’infinita misericordia del Padre affidiamo tutte le nostre colpe, le nostre debolezze, i nostri limiti. Solo il Padre può trasformare l’acqua in vino, solo il Padre può fare nascere qualcosa di buono anche dalle nostre cadute e dai nostri errori. Prego con voi….

    Rispondi
  4. Pinuccia

    Quanto abbiamo bisogno di perdono! Quanta sete di questo amore che perdonando dona nuova vita. Preghiamo per tutti i sacerdoti,

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.