giovedì 11 giugno

di | 10 Giugno 2020

Giovedì 11 giugno- At 2,25-31

25 Dice infatti Davide a suo riguardo: Contemplavo sempre il Signore innanzi a me; egli sta alla mia destra, perché io non vacilli. 26 Per questo si rallegrò il mio cuore ed esultò la mia lingua, e anche la mia carne riposerà nella speranza, 27 perché tu non abbandonerai la mia vita negli inferi né permetterai che il tuo Santo subisca la corruzione. 28 Mi hai fatto conoscere le vie della vita, mi colmerai di gioia con la tua presenza. 29 Fratelli, mi sia lecito dirvi francamente, riguardo al patriarca Davide, che egli morì e fu sepolto e il suo sepolcro è ancora oggi fra noi. 30 Ma poiché era profeta e sapeva che Dio gli aveva giurato solennemente di far sedere sul suo trono un suo discendente, 31 previde la risurrezione di Cristo e ne parlò: questi non fu abbandonato negli inferi, né la sua carne subì la corruzione.

Commento

Il brano di oggi è un chiaro esempio di come viene utilizzato il v.t. per dimostrare che in Gesù le profezie antiche si realizzano. Al grande annuncio che ieri abbiamo ascoltato, Pietro fa seguire la citazione degli ultimi quattro versetti del Sal.15. Il v.27 del nostro brano è quello che sta al centro del ragionamento di Pietro. Ma procediamo con ordine. Ai vv.29-31 Pietro vuole chiarire che il Salmo di Davide non è autobiografico o autoreferenziale, cioè Davide non l’attribuisce a se stesso anche se parla in prima persona: “Contemplavo…egli sta alla mia destra…per questo si rallegrò il mio cuore…non abbandonerai la mia vita negli inferi né permetterai che il tuo santo veda la corruzione…”. Pietro vuole sia chiaro che Davide con quelle parole profetizzava la persona e la sorte non di se stesso, ma del suo “discendente”, quello che egli sapeva Dio avrebbe fatto “sedere sul suo trono”. Cioè il Cristo, il Messia di Dio. Dunque, non di sé, ma di Gesù, Davide parla nel Salmo.  Al centro della citazione del Salmo sta il v.10, qui citato, come dicevo, al v.27, che riguarda la risurrezione di Gesù che Pietro ha annunciato nei versetti precedenti e che ora mostra come adempimento della profezia del Salmo 15.  Dunque Davide è morto e sepolto. In Gesù, invece, si è compiuta la profezia del Salmo, e quindi Egli “non fu abbandonato agli inferi, né la sua carne subì la corruzione”. Oggi, quindi, la Parola di Dio ci regala anche un esempio molto chiaro di come dobbiamo ascoltare le Parole dell’Antico Testamento: come riferite sempre, più o meno evidentemente, a Gesù e alla sua opera di salvezza dell’umanità. Parole che però, non solo sono illuminate da Gesù, ma anche illuminano Gesù, la sua Persona e la sua opera tra noi, e in modo culminante la sua Pasqua di Morte e Risurrezione.

Preghiamo

Preghiamo per i medici

Un pensiero su “giovedì 11 giugno

  1. sr Alida

    Nelle Tue mani è la mia vita e me ne indicherai il sentiero…è un pò il sl 15 …che è uno dei più cari del mio cammino ..Nella Pasqua e Risurrezione del Signore mi unisco alla preghiera per tutti i medici .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.