domenica 27 agosto

di | 26 Agosto 2017

fiori21 domenica T. Ordinario – dal vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».  Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».  E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». 
Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

Commento

Sembra un sondaggio di opinione. La gente chi dice che io sia? E ci sono tutta una serie di risposte, buone ma non azzeccate. Giovanni Battista, Elia, Geremia…. Questo credo che si può chiamare il primo passo della dichiarazione di fede. Altri mi aiutano a comprendere chi è Gesù, ne abbozzo una risposta. Diciamo che ci provo, mi lancio, rischio qualcosa. Io posso dire tranquillamente che sono stato introdotto alla fede da persone che mi hanno accompagnato negli anni della mi vita. Loro mi hanno aiutato a dare le prime risposte alla mia fede. Il vangelo ci narra come esiste un altro passo nel cammino di fede. Quello personale, quello che penso io di Gesù, quello che ho scoperto io: Ma voi chi dite che io sia. Questo secondo passo è il mio cammino personale, la mia intuizione, la mia ricerca. Negli anni penso di essermi fatto una mia idea su Dio e sulle questioni della fede. Questo è un cammino di ricerca continuo. E per finire. Manca ancora un  passo: confrontare la mia risposta, la mia fede, la mia ricerca personale con il dato della fede. È la risposta azzeccata di Pietro: tu sei il Cristo, il figlio del dio vivente . per dato di fede non intendo le formule imparate a memoria, ma il dato che emerge dal vangelo e dalla tradizione antica della chiesa. Insomma è ancora una ricerca, un cammino. Credo che nel mio percorso di fede la cosa più difficile è il continuo confronto tra la mia fede e la fede del vangelo e della chiesa. E più ancora è l’obbedienza al vangelo e l’amore per la chiesa.

Preghiamo

Preghiamo per Oliviero che sta per arrivare a Santiago in pellegrinaggio a piedi

4 pensieri su “domenica 27 agosto

  1. sr Alida

    E’ un’impresa collegarmi in questi giorni ,e a volte ci si riesce a orari inpensati …..

    Persone ,angeli ,,mi hanno fatto dono di un cammino di fede…Nello scorrere del tempo,penso che ogni giorno scopro di più chi è Gesù per me….Sicura che con Lui vivo
    in qualità,e valore Certo mi interpella fortemente la domanda ,la risposta non è scontata, Perchè non è per sentito ma per l’incontro personale…per esperienza…
    Prego per Oliviero ,per sr Rita e le suore che con gli esercizi spirituali si preparano al loro 50° Auguri di cuore .

    Rispondi
  2. sr Alida

    Oggi ricordo anche 29 anni dalla professione per sempre ,non è tanto che sia un cammino in ordine ,ma che sia vero di cuore ,qualunche evento gioioso o sofferto vi sia racchiuso ….Per mezzo della Sua fedeltà ,lo ringrazio di cuore ….chi sono per te ?So che senza Te,Figlio di Dio, non potrei vivere non potrei vivere ,in positivo ….Custodiscimi ,ti prego e ti affido tutta l’umanità i miei cari ,le persone incontrate e che incontro sul cammino.

    Rispondi
  3. . Elena

    Chi sei per me Gesù?
    Me lo chiedo spesso ed ogni giorno posso dare risposte diverse. Di sicuro ti cerco e cerco di dare una collocazione a questa mia fede. Ma se è vero che sono stata introdotta alla fede da altri, che mi amavano, poi quello della fede è sicuramente e sempre un fatto personale, un cammino ed una ricerca mai conclusi, in un contesto di amore e di fiducia con Dio. Chi sei tu Gesù? Non posso smettere di chiedermelo….. ma sicuramente sei l’amore, la tenerezza e la misericordia di Dio fra noi!
    Preghiamo per Oliviero e le suore che rinnovano il loro SI!

    Rispondi
  4. sr Rita

    E’ bello non aver sempre la stessa risposta alla domanda di Gesù. Infatti come cresciamo fisicamente e psichicamente nella vita coì possiamo crescere nella fede, nella conoscenza amorosa del Signore. La risposta è nuova ogni volta a secondo della novità di vita che stiamo attraversando. Io sono strafelice di poter dire al Signore che mi sento amata e che lo amor. Questa è la mia conoscenza..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.