domenica 20 dicembre

di | 19 Dicembre 2015

avvento bose4 domenica T. Avvento

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Commento

Ed eccole le due donne che danno inizio al nuovo testamento. Le due donne che in qualche modo segnano in maniera grandiosa l’entrata in scena della grazia che supera la legge. Già nei saluti di queste due donne, Maria e Elisabetta, vi è un tono nuovo: benedetta tu fra tutte le donne… il saluto dice che queste due donne, graziate, vivono della fede nel Signore, vivono nello sguardo meravigliato per il frutto del loro grembo. Una troppo vecchia per avere figli, l’altra che non conosce uomo. Ma nulla è impossibile a Dio. Tutto qua. Due donne che aspettano un figlio, due donne che si abbracciano, due donne che si raccontano della bellezza della vita. Due cose mi emozionano: il salutare e il benedire. Salutare con amore, salutare come un gesto di vicinanza, di cura verso l’altro. E poi benedire dire bene dell’altro, rallegrarsi per l’altro. Siamo ormai a natale. Siamo chiamati ad accogliere la grazia di Dio nel bambino Gesù.  Siamo chiamati a salutare e a benedire, siamo chiamati a prenderci cura dell’altro. Far nascere Gesù  oggi vuol dire ripetere i gesti di Maria e di Elisabetta.

Preghiamo

Preghiamo per tutte le mamme che aspettano un bambino

4 pensieri su “domenica 20 dicembre

  1. sr Rita

    Salutare…benedire…abbracciare. Verbi che dicono calore prossimità, vita che cresce. Il grembo di queste due donne lievita, segno di una amore che ha dato inizio a una nuova vita. Come sarebbe bello veder lievitare nelle nostre persone il frutto dell’amore ricevuto e donato, anche attraverso semplici abbracci. Qui da noi gli abbracci si sprecano….vorrei che non fossero solo un fatto culturale, ma una trasmissione di quell’amore che Dio ogni istante riversa in me.
    Preghiamo per tutte le persone che non stanno a coccolare la propria gioia, ma si mettono in cammino per essere di aiuto agli altri in qualsiasi forma di volontariato.

    Rispondi
  2. Elena

    Salutare, benedire, abbracciare, sussultare di gioia,riconoscere la grandezza che sta nell’ altro ed accoglierla con calore e amore. Forse il Natale di quest’anno è proprio questo: uscire da me stessa per incontrare e riconoscere con amore questo “altro”…. ed amarlo per quello che è, diverso da me e meraviglioso nella sua grandezza…..
    Per tutte le madri, per tutte le donne che si incontrano e tessono con silenzio e dignità il ricamo di Dio…
    Elena

    Rispondi
  3. Laura

    Bellissimo il Vangelo di oggi ! Mi piace questo gesto di Maria che subito si mette in cammino per condividere ed essere vicino a chi può avere bisogno.. altrettanto bello il gesto di Elisabetta che benedice , si allarga il cuore quando si ricevono gesti di benedizione.. dovremmo imparare a farlo di più e non lasciare questa possibilità solo agli addetti a “l lavoro” !
    Unisco alla preghiera per tutte le mamme in attesa.

    Rispondi
  4. sr.Alida

    Salutare, benedire, esultare ,ringraziare con amore e gioia con le piu’ piccole cose e con gli incontri piu’ comuni ..ad ogni semplice incontro portare la vita che ,Dio ci ha messo dentro.Rinnovare in me questa consapevolezza della Sua presenza,per imparare l’arte del dialogo e dell’incontro ,come Maria ed Elisabetta..Per una parola così piccola “SI”,hanno dato vita a grandi e lieti eventi…Benedire mi ricorda una persona povera : Rosaria conosciuta al dormitorio femminile ,ogni volta che ci sentiamo ,mi dice :”il Signore ti benedica” Forse per vivere questi atteggiamenti ,occorre essere poveri..prego per ogni mamma ,per ogni donna che attende un bimbo proprio in questo tempo,per ogni persona ,che dedica la vita agli altri,per il mondo del volontariato.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.