domenica 19 luglio

di | 18 Luglio 2015

home216 domenica Tempo Ordinario –  Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.
Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Commento

L’amore del Signore per l’uomo non va in vacanza. E così, anche se Gesù  invita i suoi discepoli a riposare dopo le fatiche apostoliche descritte nei vangeli delle domeniche precedenti, non si tira indietro quando vede arrivare la folla stanca, come pecore senza pastore e si mise ad insegnare loro molte cose. Il vangelo descrive come due attenzioni di Gesù: la prima, di fronte alla stanchezza dei suoi discepoli li invita a stare con lui per riposarsi un poco, in luogo in disparte. La seconda attenzione è l’interesse per le persone che arrivano, per loro si può rinunciare anche ad un attimo di riposo.  In questi due atteggiamenti di Gesù, vedo il cuore di ogni forma di evangelizzazione: l’azione e la contemplazione, il fare e la cura delle relazioni, il vivere una propria vita interiore e lo sguardo attento verso il prossimo. Ecco perché l’amore non va mai in vacanza. Nel primo atteggiamento, quello del riposo non vedo solo la possibilità di momenti di solitudine o di ritiro per ricaricare le pile della vita spirituale, vedo invece la possibilità che l’uomo quotidianamente possa in qualche modo rimanere centrato su di sé, rimanere sempre al centro del proprio cuore, senza perdersi nel nulla. Nel secondo atteggiamento vedo invece la possibilità di avere sempre uno sguardo attento all’altro. Meglio curare le relazioni con le persone, che curare la propria agenda degli impegni! So bene quanto è importante la nostra agenda che rappresenta bene il nostro mondo, ma ricordiamoci che nella parabola del buon samaritano il sacerdote e il levita non si fermarono perché troppo immersi nelle loro faccende, il samaritano, anche lui preso dai suoi affari, si fermò……

Preghiamo

Preghiamo per tutte le persone anziane.

2 pensieri su “domenica 19 luglio

  1. laura

    In questi giorni di calura estiva queste parole sono un sogno per molti che non hanno alcuna possibilità ti staccare dalla routine quotidiana e dalle fatiche di ogni giorno. vorrei che tutti possano sperimentare momenti di quiete interiore ed esteriore io le sento spesso la necessità e ringrazio il Signore per le occasioni che mi dona.. è bella la compassione di Gesù di fronte ai bisogni degli uomini di ogni tempo.. preghiamo perché tutti possano sperimentarla imparando così a donarla a loro volta. buona domenica a tutti !

    Rispondi
  2. suor Rita

    Ritorno ora da Dumenza dove ho vissuto una settimana di silenzio, ascolto, preghiera, meditazione coi Monaci Benedettini. Il fresco e la pace mi hanno fatto realizzare quello che Gesù ha offerto ai suoi discepoli: Venite in disparte e riposatevi un poco….Ma per loro poi c’è stata subito la folla che ha richiesto altro itinerario. Ogni giorno ho pregato per tutti voi che non ho potuto raggiungere con la riflessione scritta perché non connessa in internet. Ma la connessione nello spirito è stata reale. Anche la prossima settimana sarò via per stare alcuni giorni con la mia famiglia e penso non sarà possibile collegarci. Buona settimana a tutti e che la misericordia con cui Gesù ha cambiato programma per rispondere ai bisogno della folla aiuti anche noi ad essere flessibili e prossimi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.