domenica 17 gennaio

di | 16 Gennaio 2021

2 domenica T. Ordinario – dal vangelo di Giovanni

Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa Maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio. Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

Commento

Se vogliamo, la scena dove è presente ancora Giovanni Battista è come un pretesto per passare al fatto successivo che è la chiamata dei discepoli. Giovanni Battista si tira indietro e lascia spazio a Gesù e ai suoi discepoli. Quello di Giovanni è un gesto straordinario: lasciare il posto all’amico e lasciare andare anche i suoi discepoli. Questo è il vero maestro colui che istruisce e poi lascia andare, non lega a se. E così inizia l’avventura di Gesù con i suoi discepoli. Quel dove dimori dice di più di un semplice dove è la tua casa. Di fatto succedeva di frequente che il maestro abitava con i suoi discepoli. Qui vuol dire anche chi sei, quali sono le cose che insegni, l’avverbio «dove» infatti nel Quarto vangelo, se riferito a Gesù, ha sempre a che fare con la sua identità, con la sua origine, mi sembra importante questa sottolineatura: il discepolo chiede come dimorare, come restare, come resistere, come rimanere fermo. Questo è il primo passo del discepolo rimanere e stare con Gesù per conoscerlo e scegliere lui.

Preghiamo

Preghiamo per i ragazzi

2 pensieri su “domenica 17 gennaio

  1. Elena

    È bello abitare col Signore, è ancora più bello essere abitati da Lui… Abitare la stessa casa ed essere casa per chi si ama lega in modo diverso… Crea intimità.
    Una preghiera per i ragazzi, una preghiera per Antonio.

    Rispondi
  2. Giuliana è Enzo

    La musica che ci accompagna nella quotidianità é varia e a volte dolce, a volte fastidiosa. Quella che prediligo è quella della notte dove nel silenzio, nei pochi rumori felpato riesco a percepire la musica della mia anima che mi culla dolcemente.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.