bambini

di | 16 Gennaio 2021

Ogni tanto ne vedo camminare qualcuno qui dalle parti di Rosciano. Non sono molti, ma passano per la strada. Sono i bambini. questa è la parola che risuona nel cuore. Sono il futuro. non li frequento più così tanto, perché non insegno più e non sono più in oratorio. Eppure rimangono sempre loro gli artefici di un mondo nuovo. Sono la preoccupazione dei genitori, sono la fatica e la gioia degli insegnanti. Sono la tragedia più evidente di un mondo che è fatto di ingiustizie dove alla fine i bambini pagano un costo troppo alto per assecondare la ricchezza del mondo. Eppure dobbiamo credere in loro perché noi consegneremo il nostro mondo a loro. Bella eredità che lasciamo a tutti  i nostri ragazzi. una pandemia, un mondo malandato, qualche guerra, tanta fame e malattie. Noi consegnamo  tutti questo a loro, i nostri figli. Molti degli adulti hanno dato il meglio della loro vita per i ragazzi. altri hanno solo ragionato in termini di costo sociale e di produttività, di consumo. C’è anche una parte di adulti che ha dato il meglio per i nostri figli. La parola è arrivata così, bambini. un po’ mi agita questa parola, mi agita quando  guardo al futuro dei nostri ragazzi. contemporaneamente questa parola mi sorprende per tutto quello che i ragazzi portano di bello, di fantasia, di intraprendenza. Un uomo, Gesù, lì ha messi al cento del suo regno: “ se non diventerete come bambini non entrerete nel regno dei cieli. Loro il modello del regno, perché nullatenenti, perché affidati e questo basta a Gesù per metterli al centro del mondo. I bambini modelli di vita cristiana. Bisogna farci sopra una grande e silenziosa meditazione su questo mistero. Come usciranno da questi tempo così faticoso?  Che cosa abbiamo preparato per loro al termine di questi giorni difficili? Un monopattino elettrico o un po’ di fiducia? un nuovo cellulare o una nuova economia? Un nuovo sano egoismo personale o una comunità fatta di brava gente? Che cosa lasceremo di eredità a questi nostri figli? Le prospettive per loro non sono delle migliori, ma possiamo ancora cambiare le sorti cattive in opere buone. Basta crederci un po’ di più. al centri stanno i bambini, al centro del mondo futuro. la domanda allora che nasce dal cuore pensando ai ragazzi è semplicemente questa: che futuro si troveranno tra le mani?

3 pensieri su “bambini

  1. Elena

    Sono mamma di tre figli. E insegno da tanti anni. Ho imparato e continuoa ad imparare dai bambini. Sono mamma universale, perché ho imparato a guardare con occhi di mamma tante realtà, bambine e adulte.” I bambini prima di tutto”, pensando e provvedendo alla loro vita fragile e nello stesso tempo forte, resistente, resiliente! “I bambini prima di tutto” frase detta a me stessa, sopra i miei interessi di adulta e dopo diversi errori come madre di primo pelo… I bambini prima di tutto, detto ai genitori di primo pelo o anche no, ai dirigenti, alle colleghe un po’ pigre, agli amici, ai figli che crescono…. I bambini prima di tutto, detto a loro, che sono il nostro domani ma a cui consegniamo il mondo appena vedono la luce. E che mondo… Meraviglioso e spaventoso, bellissimo e terribile, armonioso e caotico, pacifico e predatorio….
    Noi adulti abbiamo questa enorme responsabilità: insieme al consegnare ai bambini un mondo, possiamo e dobbiamo consegnare loro degli strumenti per conoscerlo, amarlo, averne rispetto e cura, per temerlo e per poterlo affrontare. Possiamo e dobbiamo consegnare le chiavi di questo mondo: la conoscenza, la responsabilità, il giudizio critico, la libertà, la cura, l’amorevolezza, il discernimento, il senso dell’alterità e della diversità, il senso dell’altro che lo abita con me, il rispetto, l’utilizzo armonico delle risorse con i nostri bisogni, la pacificazione….. Potrei andare avanti…ma i bambini chiedono qui e ora che ci si occupi di loro, del loro presente e del loro futuro, perché oggi soffrono tutti un po’ di più, in ogni parte del mondo. Guarda caso anche nel mondo ricco, e forse in modo molto profondo e disperante, perché non conoscevano le privazioni di un qualcosa. E non c’è ancora una politica efficace in ciascuno di noi che metta i bambini al centro del mondo, al centro della vita e del futuro… E forse neanche il bambino che custodiamo dentro di noi.

    Rispondi
  2. Dania

    “Lasciamo i bambini meravigliosi e meravigliati” e noi adulti potremo contemplare la meraviglia che c’è in loro e nei loro occhi ad ogni scoperta: Meraviglia del creato sono loro per me. Ma quanta fatica prendersene cura seriamente e sentirsene responsabili come madre, come educatrice di nido. Chiedo ogni giorno al Signore l’aiuto per riuscire a prendermene cura nel migliore dei modi, di giorno in giorno, di fatica in fatica e di gioia in gioia e di prendersi allo stesso tempo cura di me. C’è sempre BISOGNO DI CURA, da dare e ricevere!

    Rispondi
  3. sr Alida

    Rimango in silenzio e prego per le nostre giuste trepidazioni e paure..domande. E mentre penso ai bambini speriamo di non sciupare quello che da loro impariamo…e le nostre preoccupazioni cooperano comunque a far sorgere prima o poi con l’aiuto di Dio un mondo migliore anche con le ferite che il nostro tempo porta con sé…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.