cresta o crinale

di | 14 Aprile 2020
don roberto…..

Da dove sono vedo dei crinali di montagna e intravedo un poco la cresta del Resegone.  Quando andavo in montagna sui crinali, facile a dirsi, correvo, sulle creste ero silenzioso e mi muovevo con calma, attenzione e un po’ di paura. Conosco tanti amici che anche sulle creste vanno di corsa e penso che il buon don Roberto pur nella sua prudenza ci volava sopra.  Ma il crinale o meglio ancora la cresta è un’ immagine molto forte per aiutarci a comprendere come in questo tempo siamo proprio su un crinale, una cresta. Siamo in attesa di capire come riusciremo a superare questo tempo. Siamo in attesa di capire come fare a riprendere il lavoro, siamo in attesa di capire il futuro dell’economia. Camminiamo su una cresta che ci può portare alla vetta oppure ci può bloccare per la paura o ci farà cadere a destra o sinistra. E quando cammino su quella cresta che è il tempo di oggi, è come camminare su cresta fatta come una lama di coltello, perché diciamolo francamente siamo su una cresta affilata.  E se guardo a destra vedo la valle dell’uguale e mi spavento perché può tornare tutto come prima. E se guardo a sinistra vedo la valle dell’immobile perché tutto si può come paralizzare. Come torneremo? Qui su questa cresta può capitare di tutto e allora seguo il consiglio di un mio amico che mi diceva guarda avanti e non a destra o a sinistra e davanti vedo la vetta, la croce, la meta da raggiungere. Citando Erri de Luca scrivo: “Una cima raggiunta è il bordo di confine tra il finito e l’immenso.” Si noi oggi viaggiamo tra finito e immenso. Guardo a quella croce sulla vetta dopo la cresta affilata, pensando a che cosa può essere quella croce. E trovo questo significato. Lo dico con una citazione di Sant Agostino: “E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l’immensità dell’Oceano, ed il volgere degli astri… e si dimenticano di sé medesimi.” Si la croce è Gesù, è l’umanità intera, siamo noi medesimi, di cui ci siamo dimenticati; ci siamo dimenticati dell’umano e dell’umanità e ci è rimasta la valle dell’uguale e dell’immobile. Ritrovare la vetta vuol dire ritrovare umanità. Allora aver percorso questa cresta affilata non sarà stato vano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.