dalla parte dei migranti

di | 25 Agosto 2017

trascrivo per intero il commento che la comunità di Sant Egidio ha scritto di fronte ai fatti successi in questi giorni a Roma. teniamo presente che la comunità di Sant Egidio si è da sempre interessata dei profughi e più volte aveva sollecitato un intervento per rendere più umana la vita di quelle persone.

La Comunità di Sant’Egidio esprime la sua preoccupazione per la sorte dei rifugiati sgomberati dal palazzo ex Federconsorzi di piazza Indipendenza, a Roma. Si tratta infatti di centinaia di rifugiati, tra cui molte famiglie con bambini e anziani, che si trovano all’improvviso senza un tetto. Occorre che le autorità nazionali e cittadine trovino al più presto una risposta alla situazione che si è venuta a creare, anche con soluzioni diversificate.

È urgente, in particolare per due motivi. Prima di tutto perché lasciare per strada centinaia di immigrati non fa altro che aumentare nella Capitale il numero di quanti – e non sono pochi – non hanno un riparo notturno o vivono in alloggi di fortuna.  In secondo luogo perché, pur nel rispetto della legalità, non è consigliabile interrompere percorsi di integrazione che erano già in corso.

Occorre infatti ricordare che le persone sgomberate, in gran parte etiopi ed eritrei, non sono “irregolari”. Hanno già ottenuto, quasi tutti, il riconoscimento di rifugiati e non pochi già lavorano, come quella donna che ha chiesto di poter tornare nel palazzo per recuperare le medicine che servivano alla signora che assiste come badante durante il giorno.

Si trovino quindi soluzioni appropriate nel rispetto delle persone e per il bene della Capitale che non ha bisogno certamente di situazioni conflittuali ma inclusive, per tutti i cittadini, sia italiani che stranieri.

2 pensieri su “dalla parte dei migranti

  1. Sr rita

    Sono a passeggio ma voglio fare gli auguri a Don Sandro per il onomastico. Grazie per quello che sei

    Rispondi
  2. . Elena

    Quella di Roma mi sembra una vicenda esplosiva, che può avere seguito ed imitazione. Prego solo che la stanchezza, l’esasperazione e la mancanza di alternative in cui l’Italia tutta è stata abbandonata dalla civilissima Europa, non generi ribellioni ed emulazioni ancor più drammatiche. Prego per chi ci governa e perché le persone scacciate trovino opportune soluzioni, dignitose e percorribili nella legalità dell’accoglienza!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.