venerdì 5 ottobre

di | 5 Ottobre 2018

la notte della sapienza chagallqoelet  9,1-11

[1]Infatti ho riflettuto su tutto questo e ho compreso che i giusti e i saggi e le loro azioni sono nelle mani di Dio. L’uomo non conosce né l’amore né l’odio; davanti a lui tutto è vanità.

[2]Vi è una sorte unica per tutti,
per il giusto e l’empio,
per il puro e l’impuro,
per chi offre sacrifici e per chi non li offre,
per il buono e per il malvagio,
per chi giura e per chi teme di giurare.

[3]Questo è il male in tutto ciò che avviene sotto il sole: una medesima sorte tocca a tutti e anche il cuore degli uomini è pieno di male e la stoltezza alberga nel loro cuore mentre sono in vita, poi se ne vanno fra i morti. [4]Certo, finché si resta uniti alla società dei viventi c’è speranza: meglio un cane vivo che un leone morto. [5]I vivi sanno che moriranno, ma i morti non sanno nulla; non c’è più salario per loro, perché il loro ricordo svanisce. [6]Il loro amore, il loro odio e la loro invidia, tutto è ormai finito, non avranno più alcuna parte in tutto ciò che accade sotto il sole.]Và, mangia con gioia il tuo pane,
bevi il tuo vino con cuore lieto,
perché Dio ha gia gradito le tue opere.
[8]In ogni tempo le tue vesti siano bianche
e il profumo non manchi sul tuo capo.9]Godi la vita con la sposa che ami per tutti i giorni della tua vita fugace, che Dio ti concede sotto il sole, perché questa è la tua sorte nella vita e nelle pene che soffri sotto il sole. [10]Tutto ciò che trovi da fare, fallo finché ne sei in grado, perché non ci sarà né attività, né ragione, né scienza, né sapienza giù negli inferi, dove stai per andare.[11]Ho visto anche sotto il sole che non è degli agili la corsa, né dei forti la guerra e neppure dei sapienti il pane e degli accorti la ricchezza e nemmeno degli intelligenti il favore, perché il tempo e il caso raggiungono tutti. [12]Infatti l’uomo non conosce neppure la sua ora: simile ai pesci che sono presi dalla rete fatale e agli uccelli presi al laccio, l’uomo è sorpreso dalla sventura che improvvisa si abbatte su di lui.

Commento

Visto l’ora tarda una semplice annotazione. Qoèlet denuncia qui il limite insuperabile della ricerca sapienziale, che vorrebbe riuscire a scoprire le «leggi» e i «criteri» che regolano l’agire di Dio e degli uomini. Se infatti si riuscisse a trovare dei parametri con cui riconoscere con certezza l’azione di Dio dentro la storia umana, allora essa rivelerebbe il suo mistero profondo e ogni incertezza umana si dissolverebbe. La ricerca della sapienza, quindi, in quanto è la ricerca della presenza divina nel mondo e perciò del suo senso ultimo, risulta sempre insoddisfacente, incompleta. Ancora una volta l’uomo non conosce né l’amore nè l’odio perché tutto è vanità.

Preghiamo

Preghiamo per Marco

3 pensieri su “venerdì 5 ottobre

  1. sr Rita

    Fin che si è in vita…..dice Qoelet. Ma la vita non pare sia solo quella che stiamo vivendo qui ora. Certamente chi è morto non aggiunge nulla a quello che è. Ma la sua vita non cade nel baratro. La vita del figlio di Dio sta nelle sue mani sicure e buone. Amo pesare che durante la vita è bello poter godere di quello che si è, di ciò che si fa, perché la vita e l’amore sono ricompensa a se stessi. Preghiamo per chi ha lo sguardo corto e non sa andare oltre il pezzo di storia che sta vivendo.

    Rispondi
  2. . Elena

    Prego con voi, per Marco, per Chiara e Cristina, per la vita di cui sono grata e per il lavoro, ce ne possa essere a sufficienza per ciascuno.

    Rispondi
  3. srAlida

    Le azioni e i pensieri dei saggi e dei giusti sono nelle mani di Dio .Il profumo non manchi… Dio concede….in ogni tempo ……mi piace poter essere nelle Sue mani anche se prima di essere giusta o saggia di cammino ce ne vuole ….conviene vivere la vita ,con ciò che già siamo e con quello che già abbiamo ….VIVERE non vivacchiare .Affidiamo al Signore la saggezza di Papa Francesco lo custodisca e accompagni sempre ,preghiamo per il Sinodo dei giovani ,mentre mi unisco alle comuni intenzioni .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.