sabato 7 marzo

di | 6 Marzo 2020

Lc 14,25-27               

25Una folla numerosa andava con lui. Egli si voltò e disse loro: 26«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. 27Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.

Commento

Premesso che qui viviamo giorni sospesi e a volte difficili e sfido chiunque a dire il contrario, continuiamo i nostri commenti. . Quello che Gesù dice nei versetti seguenti non è l’insegnamento speciale dato per condizioni speciali, ma per tutti.  Quando Gesù dice queste cose non pensa a più quantità di amore ma piuttosto della“qualità” dell’amore. Cerchiamo di cogliere il significato di questo “prendere la croce e seguirlo”. Penso che la spiegazione più semplice e diretta sia quella della Pasqua di Gesù e della nostra chiamata a seguirlo in questo cammino pasquale. E’ un cammino di morte e risurrezione. E’ il cammino della vita nuova in Lui e con Lui. Gesù non credo voglia che odiamo i nostri cari, e neppure che amiamo Lui più di loro. Penso che debba invece finire il modo “vecchio” del nostro amare per lasciare il posto al nuovo volto dell’amore. Adesso possiamo e dobbiamo amare tutti e tutto “in Gesù”, e cioè nella sostanza e nella modalità del suo amore. Questo è il significato della croce: ognuno ha la sua, perché per ognuno la vita, le relazioni e gli affetti, le vicende e i sentimenti hanno la loro storia. Ma ormai, in ogni storia si rende presente l’amore di Gesù. Anche in situazioni e persone di grande piccolezza.  Anzi, con una particolare elezione dei piccoli e dei poveri e della loro piccolezza e povertà.

Preghiamo

Preghiamo per suor Pilar

3 pensieri su “sabato 7 marzo

  1. Elena

    Ci sono tempi per ogni cosa, c’è un tempo anche per la croce, concepita come strumento di sofferenza e di morte, ma rivestita dello stesso Gesù diventa strumento di salvezza.
    La vita è piena di croci e per amore quante ne riusciamo a sopportare , attraversare, superare…. Il Signore sa come aiutarci e non ci lascia mai soli, con il suo amore e la sua grazia possiamo sentirci meno soli e affaticati mentre portiamo le nostre croci più o meno pesanti. Preghiamo per sr Pilar e per tutti gli ammalati dentro e fuori degli ospedali. Ricordiamo anche gli operatori sanitari che stanno affrontando questo tempo difficile.

    Rispondi
  2. sr Alida

    La qualità dell’amore è tipica di Gesù….noi possiamo imitarlo nei suoi gesti e pensare che la croce ci salva.Mi unisco alla preghiera per sr Pilar per i malati di questi giorni ,e per tutti quelli che si occupano di loro

    Rispondi
  3. Sr Rita

    Prendere ogni giorno la croce del proprio vivere sapendo Chi stiamo seguendo. Prego per i malati e per i 16 giovani che in questo fine settimana fanno un ritironia vocazionale.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.