sabato 23 novembre

di | 22 Novembre 2019

Lc 2,41-52              

41I suoi genitori si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. 42Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. 43Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. 44Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; 45non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. 46Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. 47E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. 48Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». 49Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». 50Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro. 51Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. 52E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini.

Commento

Giuseppe e Maria erano credenti fedeli e osservanti della Legge di Dio data a Mosè, dunque ogni anno facevano la salita, il pellegrinaggio alla città santa di Gerusalemme in occasione della festa di Pasqua. Quando Gesù, il figlio nato a Betlemme e ormai cresciuto con loro a Nazaret, compì dodici anni, i suoi genitori lo portarono a Gerusalemme affinché diventasse, attraverso un rito che si svolgeva al tempio, “figlio del comandamento”, cioè un uomo credente responsabile della sua identità davanti al Signore e in mezzo al suo popolo. Il ragazzo allora saliva sull’ambone dove si leggevano le Scritture, mostrava di saperle leggerle in ebraico come stava scritto e poi, interrogato dagli scribi, gli esperti della Legge, rispondeva. Sappiamo come va la vicenda. I genitori nel far ritorno a casa non trovano il figlio, tornano indietro e lo trovano nel tempio. La risposta di Gesù alle preoccupazioni dei genitori è forte. Cosa vuol dire? Gesù è un ragazzo che si pone domande e che cerca risposte, come un buon discepolo ascolta e impara. Gesù deve stare presso il Padre, è una necessità per lui, Lungo tutta la sua esistenza Gesù obbedisce a tale “necessità” di stare con il padre perché questa è la sua volontà e la sua missione: compiere ciò che Dio suo Padre gli chiede.

Preghiamo

Preghiamo per i sacerdoti

3 pensieri su “sabato 23 novembre

  1. Sr Rita

    Mi unisco alla preghiera per i Sacerdoti e per i seminaristi specialmente della mia diocesi di qui. Gesù che interrogazione e cerca con sapienza la volontà del Padre sia modello per tutti.

    Rispondi
  2. sr Alida

    Alla ricerca di Gesù che suggerisce la volontà del Padre….sia così il nostro cammino…Prego con voi per i sacerdoti e seminaristi…..

    Rispondi
  3. Elena

    Preghiamo per i sacerdoti e per quanti si preparano a diventarlo.
    Lo Spirito del Padre guidi le parole e le scelte degli uomini e delle donne di buona volontà.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.