mercoledì 20 gennaio

di | 19 Gennaio 2021

qoelet 9,11-18

11Tornai a considerare un’altra cosa sotto il sole: che non è degli agili la corsa né dei forti la guerra, e neppure dei sapienti il pane e degli accorti la ricchezza, e nemmeno degli intelligenti riscuotere stima, perché il tempo e il caso raggiungono tutti. 12Infatti l’uomo non conosce neppure la sua ora: simile ai pesci che sono presi dalla rete fatale e agli uccelli presi al laccio, l’uomo è sorpreso dalla sventura che improvvisa si abbatte su di lui.

13Anche quest’altro esempio di sapienza ho visto sotto il sole e mi parve assai grave: 14c’era una piccola città con pochi abitanti. Un grande re si mosse contro di essa, l’assediò e costruì contro di essa grandi fortificazioni. 15Si trovava però in essa un uomo povero ma saggio, il quale con la sua sapienza salvò la città; eppure nessuno si ricordò di quest’uomo povero. 16Allora io dico:
«È meglio la sapienza che la forza,
ma la sapienza del povero è disprezzata
e le sue parole non sono ascoltate».
17Le parole pacate dei sapienti si ascoltano meglio
delle urla di un comandante di folli.
18Vale più la sapienza che le armi da guerra,
ma un solo errore può distruggere un bene immenso.

Commento

Qoelet non è un cinico. La filosofia cinica dichiara che bisogna come diventare indifferenti alla vita, condurre un esistenza vagabonda ed essere fedeli ad un rigore morale. Il termine oggi indica chi vive del disprezzo di ogni forma di convenzione e morale, con il solo intento di raggiungere i propri interessi. Qoelet non è così, è più semplicemente realista e cosciente del limite umano. anche nel testo di oggi si intravede questa suo pensiero. il fallimento delle persone spesso non dipende dai meriti o demeriti delle stesse, ma dalla fortuna che può arridere, o dalla sfortuna che può capitare tra capo e collo all’una o all’altra, senza apparente merito o demerito, ma per puro caso. Così il futuro delle persone resta avvolto nel mistero e nulla si può dare per scontato: basta un niente per cambiare in bene situazioni intricate, e basta ancora meno per far fallire grandi speranze, progetti, sacrifici di anni. La vita e le fortune dell’uomo sono appese a un filo sottile che può essere tranciato in ogni momento! Possiamo dire così: l’intelligenza anche di un povero può dare risultati più grandi rispetto ad un re potente ma sciocco, ma nella società, alla fine, prevale sempre ciò che è ispirato dal potere, dalla ricchezza, dal prestigio, dagli interessi dei grandi della terra, mentre i consigli ponderati dei saggi trovano poco ascolto.Forse Qoèlet aveva visto con i suoi occhi l’esperienza d’ingratitudine di cui parla in questo testo, quando un saggio consigliere era stato soppiantato nel suo incarico da un comandante poco saggio che aveva compiuto un’impresa temeraria gradita al re. Quante umiliazioni aveva dovuto sopportare il saggio per le sue parole di rimprovero al re per la scelta fatta, parole per le quali aveva poi pagato a caro prezzo.

Preghiamo

Preghiamo per  i saggi del mondo

2 pensieri su “mercoledì 20 gennaio

  1. Elena

    I saggi muovono cose profonde, dal profondo, spesso con voce sussurrata, voce vissuta pian piano. Ma la loro voce è come la terra, semplice, umile eppure capace di grandi cose, di grande vita. Le persone sciocche, incapaci, muovono superfici, ribaltano vistosamente le cose come terremoti ed alluvioni. Fanno danno visibili, rumorosi, eclatanti. Hanno bisogno di visibilità. La fortuna e la sfortunata arrivano su chiunque. Questo tempo ce lo ricorda anche oggi. Forse il saggio, a differenza dell’avventato, ne è semplicemente consapevole, sa che può accadere anche a lui,sa che non è immune da nessuna realtà, sia essa la rovina, o la malattia, o l’errore, o la morte….

    Rispondi
  2. sr Alida

    Che il nostro futuro avvolto nel mistero ,(penso sia meglio così) conosca i veri saggi del nostro tempo . Non c’è nulla di scontato ,che ciascuno abbiamo a comprendere quale è la vera saggezza .Con voi prego per saggi del nostro tempo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.