martedì 6 novembre

di | 5 Novembre 2018

giobbe - francesco bettiMartedì 6 novembre ’18 – Gb 1,6-12

[6]Un giorno, i figli di Dio andarono a presentarsi davanti al Signore e anche satana andò in mezzo a loro. [7]Il Signore chiese a satana: «Da dove vieni?». Satana rispose al Signore: «Da un giro sulla terra, che ho percorsa». [8]Il Signore disse a satana: «Hai posto attenzione al mio servo Giobbe? Nessuno è come lui sulla terra: uomo integro e retto, teme Dio ed è alieno dal male». [9]Satana rispose al Signore e disse: «Forse che Giobbe teme Dio per nulla? [10]Non hai forse messo una siepe intorno a lui e alla sua casa e a tutto quanto è suo? Tu hai benedetto il lavoro delle sue mani e il suo bestiame abbonda di terra. [11]Ma stendi un poco la mano e tocca quanto ha e vedrai come ti benedirà in faccia!». [12]Il Signore disse a satana: «Ecco, quanto possiede è in tuo potere, ma non stender la mano su di lui». Satana si allontanò dal Signore.

Commento

Improvvisamente la scena cambia. In mezzo ai figli di Dio che si presentano davanti al Signore, c’è anche satana. non si tratta di una figura fisica, piuttosto di una funzione. Satan è colui che letterariamente, mette il bastone tra le ruote. Tutto funziona così bene a Giobbe e satan ha il compito di cambiare la sorte. Egli è “colui che divide” che getta qualche cosa attraverso, che mette degli ostacoli, che impedisce, che boicotta, ed è una figura che viene introdotta in questa arcaica scena, come il critico, colui che disprezza la realtà e che mette in dubbio il progetto di Dio e vuole vedere i difetti nelle varie realtà. È la voce critica che contesta una situazione che invece ci è stata presentata idilliaca.  E così mentre Dio parla bene di Giobbe, satana insinua il dubbio: in fin dei conti Giobbe teme Dio, perché Dio lo ha circondato di ogni benedizione, lo ha protetto come un giardino, protetto dalla siepe. Giobbe teme Dio per convenienza. Ecco come satana , il grande divisore divide e mette il bastone tra le ruote anche a Dio.  quello che satana mette in dubbio è che non esiste fede o vita gratuita, tutto è fatto per convenienza, per un tornaconto. Dio accetta la sfida: quanto possiede è in tuo potere. Satana non contesta Dio, fa di peggio mette il dubbio nel cuore dell’uomo e di Dio.  A ben guardare si tratta dunque della questione se in genere l’uomo sia in grado di amare Dio disinteressatamente. Dio lascia fare perché si fida di Giobbe.

Preghiamo

Preghiamo per Benedetta

4 pensieri su “martedì 6 novembre

  1. sr Rita

    Non hai forse messo una siepe intorno a lui e alla sua casa e a tutto quanto è suo?
    Perfino Satan riconosce con quanta cura Dio abbia favorito Giobbe. Forse gli nasce in cuore un poco di gelosia? Come nel paradiso terrestre??? Più che sul dubbio insinuato da Satan mi piace soffermarmi su quello che Dio fa per me, per ciascuno di noi. E come Dio ci guarda compiaciuti.
    Quando abbiamo qualche paranoia di troppo fermiamoci e prendiamo coscienza di cosa Dio ha fatto e continua a fare per noi. Circonda la nostra vita con una siepe. Mi piace l’immagine della siepe: Non è un muro grigio, La siepe è verde, forse ci sono anche i fiori. Ripara, ma lascia respirare. Protegge, ma lascia spazio per gli sguardi, per le confidenze sussurrate da una parte e dall’altra. Da piccola quanti giochi facevo nelle siepi …
    Intanto che gli altri – Satan – insinuano malignità, godiamo della tenerezza con cui Dio ci ha circondato. Una preghiera per Laura che sta lottando per riconoscere quanto Dio le voglia bene.

    Rispondi
  2. Luca

    Dio non stende la mano, lascia libertà di azione.
    Già 2500 anni fa l’uomo aveva compreso come il male ed il dolore nascono da una cattiva gestione della libertà che Dio dà.

    Una preghiera per chi abusa di questa libertà

    Rispondi
  3. srAlida

    Dio ci lascia liberi amandoci ,si fida di noi …penso che :più nel cuore trova spazio questa convinzione ,più saremo confidenti in Lui nell’ora della tentazione ,ricorderemo quanto opera Dio per noi e nella speranza continueremo il cammino …Mi unisco alla preghiera per Benedetta ,per Laura ,per chi abusa della libertà che abbiamo ricevuto in dono .

    Rispondi
  4. . Elena

    L’amore di Dio circonda la vita, come in un abbraccio. Dio si fida dell’uomo, lo ama e lo abbraccia. Il male è sempre in agguato, può sedurre il cuore…. preghiamo per rimanere nell’abbraccio del Padre. Unisco le mie alle preghiere comuni ricordando quanti hanno più bisogno di tenerezza e di fiducia.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.