martedì 19 marzo

di | 18 Marzo 2019

la lettrice Salmo 17 – Titolo GRIDO DELL’INNOCENTE TORTURATO

Sottotitolo

Pure di notte innocenza e colpa egli vede
e giustizia per tutti egli compie: lui solo!
O fedele, attendi sereno che spunti l’alba
di quando il suo volto potrai vedere.

Invocazione dell’innocente

[1] Preghiera. Di Davide.
Ascolta, Signore, la mia giusta causa,
sii attento al mio grido.
Porgi l’orecchio alla mia preghiera:
sulle mie labbra non c’è inganno.
[2] Dal tuo volto venga per me il giudizio,
i tuoi occhi vedano la giustizia.
[3] Saggia il mio cuore, scrutalo nella notte,
provami al fuoco: non troverai malizia.
La mia bocca non si è resa colpevole,
[4] secondo l’agire degli uomini;
seguendo la parola delle tue labbra,
ho evitato i sentieri del violento.
[5] Tieni saldi i miei passi sulle tue vie
e i miei piedi non vacilleranno.
[6] Io t’invoco poiché tu mi rispondi, o Dio;
tendi a me l’orecchio, ascolta le mie parole,
[7] mostrami i prodigi della tua misericordia,
tu che salvi dai nemici chi si affida alla tua destra.
[8] Custodiscimi come pupilla degli occhi,
all’ombra delle tue ali nascondimi,
[9] di fronte ai malvagi che mi opprimono,
ai nemici mortali che mi accerchiano.
[10] Il loro animo è insensibile,
le loro bocche parlano con arroganza.
[11] Eccoli: avanzano, mi circondano,
puntano gli occhi per gettarmi a terra,
[12] simili a un leone che brama la preda,
a un leoncello che si apposta in agguato.
[13] Àlzati, Signore, affrontalo, abbattilo;
con la tua spada liberami dal malvagio,
[14] con la tua mano, Signore, dai mortali,
dai mortali del mondo, la cui sorte è in questa vita.
Sazia pure dei tuoi beni il loro ventre,
se ne sazino anche i figli e ne avanzi per i loro bambini.
[15] Ma io nella giustizia contemplerò il tuo volto,
al risveglio mi sazierò della tua immagine.

Commento

Di fronte al male che lo perseguita il giusto si rivolge e invoca Dio. Il male, il nemico è raffigurato da un uomo arrogante e che accusa ingiustamente. L’uomo giusto sperimenta nella preghiera un senso di grande fiducia nei confronti di Dio, per questo si abbandona a Lui, confidando nel suo aiuto. L’uomo desidera la vicinanza di Dio e Dio sembra rispondere a questa richiesta. Nel salmo emerge da un lato che Dio difende i suoi fedeli, anzi li protegge come la pupilla dei suoi occhi e li avvolge all’ombra delle sue ali, simbolo dell’arca dell’alleanza con le ali dei cherubini, segno della vicinanza di JHWH al suo popolo. D’altra parte, però, Dio si erge anche come il grande artefice della giustizia che ingaggia una violenta lotta coi perversi. Le scene finali, dipingono la sua vittoria trionfale sul male che è colpito nei figli degli empi, secondo la visione antica della solidarietà familiare nel bene e nel male.

Preghiamo

Preghiamo oggi festa di San Giuseppe e festa del papà per tutti i papà

3 pensieri su “martedì 19 marzo

  1. sr rita

    Dal tuo volto venga per me il giudizio,
    i tuoi occhi vedano la giustizia.
    Il giusto perseguitato ha due punti di riferimento per sopportare l’angoscia e coltivare la speranza: il volto e gli occhi di Dio. Incontrare il volto, guardare negli occhi. Lasciarsi guardare il volto fino nella profondità dello sguardo è segno di una complicità, di una intesa, di un mutuo ascolto e aiuto. Concedici Signore di non perdere questi due punti di riferimento, in qualsiasi sofferenza e fatica ci troviamo. Custodiscimi come pupilla degli occhi,
    all’ombra delle tue ali nascondimi. Una preghiera per i papà, per chi vive la paternità a vari livelli e per la nostra “Fraternità Luigi Palazzolo” nell’anniversario della sua fondazione.

    Rispondi
  2. Anonimo

    ” O fedele ,attendi sereno che spunti l’alba ,di quando il suo volto potrai vedere ” Saggia il mio cuore -Tieni saldi i miei passi-Custodiscimi -Avvolgimi della tua presenza …Che belle queste espressioni che dicono la nostra ricerca di aiuto e protezione da parte di Dio per la lotta contro il male ….Contemplare il suo volto e svegliarsi con la sua immagine ,fiducia , abbandono ,confidenza ….Saperci guardati e amati dal Signore in ogni evento sofferto o lieto,in ogni mia caduta o inciampo , è una grande forza …La richiesta di aumento di fede sorge in me e la gratitudine di essere in cammino per incontrarlo in me ,e nei fratelli …Prego con voi per i papà e anche per quelli che non hanno figli ma che son padri comunque ,per la nostra Fraternità Luigi Palazzolo …Per tutti quelle persone che portano il nome di Giuseppe o Giuseppina….Per la nostra casa di Cantello dedicata a S. Giuseppe per tutti collaboratori ,per gli ospiti e parenti …per la mia comunità .

    Rispondi
  3. Elena

    Quante volte è capitato, di fronte alle ingiustizie della vita e alle cose più brutte, di non avere altro che Te, Signore. Tu, rifugio, consolatore, riferimento, punto di approdo… Confidare in Te, non ci lascia inascoltati e soli. Preghiamo per tutti noi, tue creature fragili. Per tutti i papà nel giorno di san Giuseppe e per chi porta questo nome. Preghiamo per tutte le intenzioni custodite nei nostri cuori.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.