martedì 15 novembre

di | 14 Novembre 2016

fiori Siracide 39,12-25

Dopo aver riflettuto, parlerò ancora,
sono pieno come la luna nel plenilunio.
13Ascoltatemi, figli santi, e crescete
come una rosa che germoglia presso un torrente.
14Come incenso spargete buon profumo,
fate sbocciare fiori come il giglio,
alzate la voce e cantate insieme,
benedite il Signore per tutte le sue opere.
15Magnificate il suo nome
e proclamate la sua lode,
con i canti delle labbra e con le cetre,
e nella vostra acclamazione dite così:

16Quanto sono belle tutte le opere del Signore!
Ogni suo ordine si compirà a suo tempo!
17Non bisogna dire: «Che cos’è questo? Perché quello?».
Tutto infatti sarà esaminato a suo tempo.
Alla sua parola l’acqua si arresta come una massa,
a un detto della sua bocca si aprono i serbatoi delle acque.
18A un suo comando si realizza quanto egli vuole,
e nessuno potrà sminuire la sua opera di salvezza.
19Le opere di ogni uomo sono davanti a lui,
non è possibile nascondersi ai suoi occhi;
20egli guarda da un’eternità all’altra,
nulla è straordinario davanti a lui.
21Non bisogna dire: «Che cos’è questo? Perché quello?».
Tutto infatti è stato creato con uno scopo preciso.

22La sua benedizione si diffonde come un fiume
e come un diluvio inebria la terra.
23Così i popoli erediteranno la sua ira,
come trasformò le acque in deserto salato.
24Le sue vie sono diritte per i santi,
ma per gli empi sono piene d’inciampi.
25Per i buoni i beni furono creati sin da principio,
allo stesso modo i mali per i peccatori.
26Le cose di prima necessità per la vita dell’uomo sono:
acqua, fuoco, ferro, sale,
farina di frumento, latte, miele,
succo di uva, olio e vestito.
27Tutte queste cose sono un bene per i buoni,
allo stesso modo si volgono in male per i peccatori.

28Ci sono venti creati per castigare
e nella loro furia rafforzano i loro flagelli;
quando verrà la fine, scateneranno violenza
e placheranno lo sdegno del loro creatore.
29Fuoco, grandine, fame e morte
sono tutte cose create per il castigo.
30Denti delle fiere, scorpioni, vipere
e spade vendicatrici sono per la rovina degli empi.
31Si rallegrano quando lui li comanda,
stanno pronti sulla terra secondo il bisogno
e al momento opportuno non trasgrediscono la sua parola.

32Di questo ero convinto fin dal principio,
vi ho riflettuto e l’ho messo per iscritto:
33«Le opere del Signore sono tutte buone;
egli provvederà a ogni necessità a suo tempo».
34Non bisogna dire: «Questo è peggiore di quello».
Tutto infatti al tempo giusto sarà riconosciuto buono.
35E ora cantate inni con tutto il cuore e con la bocca,
e benedite il nome del Signore.

Commento

Come prima cosa scusate se ieri non ho scritto niente, ma ero a Berbenno per la convivenza con i giovani e non avevo il computer. Il testo di oggi è un lungo invito alla lode per la sapienza Di Dio. Il saggio invita i discepoli a lodare e benedire il Signore per le sue opere, per la sua creazione. Al di là del fatto che è importante lodare, questo gesto, questo atteggiamento, se ben praticato con costanza può  aiutare a vivere con serenità e positività la propria vita. L’uomo che non sa lodare e ringraziare non sa amare la propria vita.  Mentre scrivo la luna sta facendo meraviglie, è meravigliosa e quindi ringrazio la luna e il suo creatore. La presenza di Dio è come abbondante fiume che disseta la terra. La benedizione di Dio su di noi è come acqua fresca che disseta la nostra vita. Riconoscerla sempre presente nella nostra vita è come acqua fresca per la nostra anima. Mi domando perché è così difficile lodare Dio, dire grazie a Lui per tutto quanto riceviamo. Eppure noi siamo fatti di dono ricevuto e donato. La benedizione. La lode, il dono sono strutturalmente dentro noi, ma noi cerchiamo di negarle sempre. Lasciamo aiutare dalla grazia di  Dio per riuscire a vivere di lode  e benedizione.

Preghiamo

Preghiamo per il suocero di Lidia che ci ha lasciato.

3 pensieri su “martedì 15 novembre

  1. Elena

    Com’è bello essere testimoni della bellezza e dell’amore della creazione. È bello essere riconoscenti e grati per tutto ciò che riempie le nostre vite di bellezza! Ci si sente parte dell’immensita’ stessa del creato, si entra in armonia con la natura e la vita stessa! Rendo grazie per questi doni d’amore del nostro Creatore!
    Preghiamo per il suocero di Lidia, ritornato alla luce, dopo un lungo viaggio….

    Rispondi
  2. sr Rita

    Siracide si dice pieno come la luna nel plenilunio. In questa notte da qualche parte del mondo si deve la maxi luna: noi qui vediamo il buio. Ma sappiamo che la bellezza di Dio si rivela anche nelle ombre…se non c’è luce qui è perché sta rallegrando qualcun altro, in altri luoghi. Benedico Duo per tutto il bello che ha creato e che mantiene in vita. Che noi uomini possiamo custodire questa bellezza.

    Rispondi
  3. sr.Alida

    Ascoltatemi figli …crescete come ..ogni aspetto della natura cresce,secondo il disegno affidato dal Creatore,così come figli possiamo gioire di Lui,sapersi amati da un Suo disegno . Benedirlo,,lodarlo ,perchè c’ è sempre una luce al nostro cammino ,per l’universo intero ,che ci regala ogni giorno …..unisco la preghiera per il suocero di Lidia e per le inteioni che ci stanno a cuore .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.