Lunedì 31 Ottobre

di | 30 Ottobre 2016

home2Siracide 35,1-13

1 Chi osserva la legge vale quanto molte offerte;
2chi adempie i comandamenti offre un sacrificio che salva.
3Chi ricambia un favore offre fior di farina,
4chi pratica l’elemosina fa sacrifici di lode.
5Cosa gradita al Signore è tenersi lontano dalla malvagità,
sacrificio di espiazione è tenersi lontano dall’ingiustizia.
6Non presentarti a mani vuote davanti al Signore,
7perché tutto questo è comandato.
8L’offerta del giusto arricchisce l’altare,
il suo profumo sale davanti all’Altissimo.
9Il sacrificio dell’uomo giusto è gradito,
il suo ricordo non sarà dimenticato.
10Glorifica il Signore con occhio contento,
non essere avaro nelle primizie delle tue mani.
11In ogni offerta mostra lieto il tuo volto,
con gioia consacra la tua decima.
12Da’ all’Altissimo secondo il dono da lui ricevuto,
e con occhio contento, secondo la tua possibilità,
13perché il Signore è uno che ripaga
e ti restituirà sette volte tanto.

Commento

Il testo riguarda ancora una volta il donare. Vengono messi in evidenza i seguenti tratti. Si ricorda  che, secondo le proprie possibilità, ciascuno è tenuto a dar qualcosa di quel che possiede. Questa forma di offerta per gli Israeliti era la “decima” era il 10 % dei beni raccolti della propria terra che veniva offerto al tempio. Essi serviva per il sostentamento dei sacerdoti, dei leviti  e dei poveri. Resta dunque anche oggi l’invito ad offrire qualcosa di quello che possediamo come singoli, come famiglie e come comunità per i poveri, pensiamo in questo periodo ai profughi e a tutti coloro che sono in balia del terremoto. Vi è una seconda sottolineatura: quella sulla letizia che deve trasparire sul volto quando si dona. Il testo dice con l’occhio contento. Quasi a dire che l’atto del donare, deve essere un atto che è consolante. La gioia rende lieve la fatica e ci aiuta a vincere ostacoli e le pesantezze che la vita a volte presenta.

Preghiamo

Non possiamo fare altro che pregare per i terremotati visto che anche ieri è stata una giornata di sofferenza.

4 pensieri su “Lunedì 31 Ottobre

  1. sr Rita

    Qui da noi ogni mese c’è una domenica dedicata al DIZIMO: ogni famiglia porta una percentuale delle sue entrate alla chiesa. Si celebra la Messa per i dizimisti e alla fine della celebrazione si sorteggia un piccolo regalo tra chi compie gli anni in quel mese. Si canta il Parabens e si scambiano abbracci fraterni. E’ un modo bello, semplice e concreto di offrire sacrifici graditi a Dio perché fatti di cuore e nella gioia. Preghiamo per i terremotati d’Italia e per la povera gente di ogni parte del mondo che ogni giorno combatte con la paura, il rischio, i pericoli.

    Rispondi
  2. ANNA

    Credo che donare porti piu gioia a chi lo fa di chi lo riceva e senza il dono la vita non abbia significato.
    Ma non e facile farlo con il cuore puro.
    Chiediamo a Dio il cuore nuovo per poter donare in modo autentico come ha fatto Gesu.

    PREGO PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAL TERREMOTO E PER I NOSTRI CARI CHE CI HANNO LASCIATO E CHE HANNO LASCIATO UN VUOTO NELLE NOSTRE VITE.

    Rispondi
  3. sr.Alida

    In ogni offerta mostra lieto il tuo volto,con occhio contento secondo le tue possibilità…….Donaci ,Signore di non rinunciare mai a donare e di donare con gioia,ad offrirti con la nostra vita ,quella di chi soffre di piu’,
    In questi giorni ti preghiamo per la vita dei terremotati e per ogni guerra che esiste sulla terra.

    Rispondi
  4. Elena

    Mi unisco alle preghiere per la gioia del dare. Il Signore è prodigo di gioia per chi offre qualcosa di sé. Non è tanto il dare qualcosa, quanto, credo, il contemplare in sé il dono e la condivisione di una parte della propria esistenza, sia attraverso le ” cose”, il tempo,la cura, le possibilità, la propria persona. Prego con voi per i terremotati che vivono in questo tempo di paura e di incertezza, per chi ha perduto tutto e necessita del dono di sé di tutti noi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.