lunedì 14 settembre

di | 13 Settembre 2020

At 25,13-27                                                                       

13 Erano trascorsi alcuni giorni, quando arrivarono a Cesarèa il re Agrippa e Berenice e vennero a salutare Festo. 14 E poiché si trattennero parecchi giorni, Festo espose al re le accuse contro Paolo, dicendo: «C’è un uomo, lasciato qui prigioniero da Felice, 15 contro il quale, durante la mia visita a Gerusalemme, si presentarono i capi dei sacerdoti e gli anziani dei Giudei per chiederne la condanna. 16 Risposi loro che i Romani non usano consegnare una persona, prima che l’accusato sia messo a confronto con i suoi accusatori e possa aver modo di difendersi dall’accusa. 17 Allora essi vennero qui e io, senza indugi, il giorno seguente sedetti in tribunale e ordinai che vi fosse condotto quell’uomo. 18 Quelli che lo incolpavano gli si misero attorno, ma non portarono alcuna accusa di quei crimini che io immaginavo; 19 avevano con lui alcune questioni relative alla loro religione e a un certo Gesù, morto, che Paolo sosteneva essere vivo. 20 Perplesso di fronte a simili controversie, chiesi se volesse andare a Gerusalemme e là essere giudicato di queste cose. 21 Ma Paolo si appellò perché la sua causa fosse riservata al giudizio di Augusto, e così ordinai che fosse tenuto sotto custodia fino a quando potrò inviarlo a Cesare». 22 E Agrippa disse a Festo: «Vorrei anche io ascoltare quell’uomo!». «Domani – rispose – lo potrai ascoltare». 23 Il giorno dopo Agrippa e Berenice vennero con grande sfarzo ed entrarono nella sala dell’udienza, accompagnati dai comandanti e dai cittadini più in vista; per ordine di Festo fu fatto entrare Paolo. 24 Allora Festo disse: «Re Agrippa e tutti voi qui presenti con noi, voi avete davanti agli occhi colui riguardo al quale tutta la folla dei Giudei si è rivolta a me, in Gerusalemme e qui, per chiedere a gran voce che non resti più in vita. 25 Io però mi sono reso conto che egli non ha commesso alcuna cosa che meriti la morte. Ma poiché si è appellato ad Augusto, ho deciso di inviarlo a lui. 26 Sul suo conto non ho nulla di preciso da scrivere al sovrano; per questo l’ho condotto davanti a voi e soprattutto davanti a te, o re Agrippa, per sapere, dopo questo interrogatorio, che cosa devo scrivere. 27 Mi sembra assurdo infatti mandare un prigioniero, senza indicare le accuse che si muovono contro di lui».

Commento

Quanta è complessa questa questione del processo a Paolo. Alla fine sembra che nessuno si voglia assumere al responsabilità di una eventuale condanna. E così tra un rimando e l’altro Paolo vede realizzarsi la profezia che lo vuole a Roma. Mi attira il fatto che più volte nel nostro testo, a partire dal v.14, Paolo sia citato come “un uomo, uno …. Questa definizione così generica mi pare abbia il potere di estendere la testimonianza cristiana ad ogni persona. Paolo, insomma, viene percepito come uno qualsiasi e non come un personaggio particolare, con una missione del tutto straordinaria. Allo stesso modo mi colpisce la  genericità con la quale il governatore riferisce la causa dell’opposizione dei giudei alla predicazione di Paolo: “alcune questioni relative alla loro religione e a un certo Gesù, morto, che Paolo sosteneva essere vivo” . Come a dire che non c’è solo la predicazione “ufficiale” e “propria” del Vangelo, ma è presente anche ai nostri giorni una “notizia cristiana” molto rozza, con tutti i limiti di esperienze e memorie anche generiche, magari anche banali, ma pur sempre collegate al mistero del Signore Gesù. Infine mi sembra molto evidente la banalità e la sostanziale incomprensione di quanto sta accadendo da parte dei “capi”. Lo stesso Festo, che rivendica e ribadisce la correttezza del diritto imperiale che lo ha portato a concedere a Paolo l’appello a Cesare, nulla sembra cogliere della rilevanza di un annunzio che di per sé pone ogni coscienza davanti alla “provocazione” assoluta del mistero. E’ interessante infine la preoccupazione del governatore che non vorrebbe mandare a Roma un imputato del quale non si riesce a trovare una colpa che possa diventare capo di accusa, e giustificazione di un passo così rilevante, come appunto l’appello a Cesare: “…non ho nulla di preciso da scrivere al sovrano”!

Preghiamo

Preghiamo per i sacerdoti

2 pensieri su “lunedì 14 settembre

  1. sr Alida

    Mi vien da dire che questo percorso di Paolo verso la conclusione della sua vita è un ‘agonia ,senza motivo si accusa un “uomo “.Che la luce del Signore accompagni ogni cristiano al cammino del bene ,della verità…Di cuore mi unisco alla preghiera per i sacerdoti ,con gratitudine per te don Sandro e per qualche sacerdote in difficoltà..

    Rispondi
  2. Elena

    È complessa la storia degli uomini… Mi colpisce la profonda dignità di Paolo, su modello di Gesù, e colgo la sua integrità, la sua pienezza nella testimonianza davanti a Dio e agli uomini.
    Prego per tutti i cristiani, per coloro che sperano e confidano nel Signore, per i sacerdoti, per quanti si affidano alle preghiere.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.