giovedì 11 ottobre

di | 10 Ottobre 2018

la notte della sapienza chagall qoelet 11,1-6

[1]Getta il tuo pane sulle acque, perché con il tempo lo ritroverai. [2]Fanne sette od otto parti, perché non sai quale sciagura potrà succedere sulla terra.

[3]Se le nubi sono piene di acqua,
la rovesciano sopra la terra;
se un albero cade a sud o a nord,
là dove cade rimane.
[4]Chi bada al vento non semina mai
e chi osserva le nuvole non miete.

[5]Come ignori per qual via lo spirito entra nelle ossa dentro il seno d’una donna incinta, così ignori l’opera di Dio che fa tutto.

[6]La mattina semina il tuo seme
e la sera non dar riposo alle tue mani,
perché non sai qual lavoro riuscirà,
se questo o quello
o se saranno buoni tutt’e due.

Commento

L’ultima di queste scene in cui qoelet parla di potere e del mondo di chi è stolto è dedicata al mondo dell’economia e quindi alla necessità per l’uomo di affrontare dei rischi per avere un frutto dal suo lavoro e dai suoi investimenti. Chi è pigro o ha paura di rischiare trova tutte le scuse per non impegnarsi; così resta senza guadagno. Il rischio fa parte della vita, così come l’imponderabilità di ciò che può succedere, ma bisogna essere moderati e prudenti, senza diventare succubi delle paure. Riprendendo quanto detto in altre occasioni, Qoèlet fa l’elogio dell’uomo laborioso e intraprendente, che sa godere del frutto del suo intelligente lavoro. Ma poi non manca di ricordargli i suoi limiti e l’ineluttabilità del destino che è nelle mani di Dio: solo lui conosce tutto e sa come nasce una nuova vita nel seno di una donna incinta. La saggezza conduce l’uomo a uno stile di vita umile e laborioso, degno di chi ha il giusto senso delle cose.

Preghiamo

Preghiamo per i poveri

 

3 pensieri su “giovedì 11 ottobre

  1. srAlida

    Ci sono i vari elementi della natura o dei suoi frutti ;pane ,acqua,albero ,terra…..vento ,nubi ,sino all’alito di vita che Dio pone nel corpo nel nostro cuore…grazie Signore per la tua provvidenza.
    ,aiutaci Signore a vincere la superficie Che il Signore sia vicino a tutti i poveri del mondo

    Rispondi
  2. sr Rita

    La mattina semina il tuo seme…
    La mattina è l’inizio, è la promessa di un giorno che si apre. Se in questa situazione promettente si semina, di dona, si progetta….allora durante il giorno Dio penserà a come far germogliare il seme. Benedico Dio per tutti gli uomini, per tutte le mattine che aprono un nuovo giorno di promessa. E che tutti gli uomini possano sperimentare la pienezza del giorno.

    Rispondi
  3. . Elena

    È bello fare delle cose ben pensate e progettate, anche con un margine di rischio perché dietro ci sta un sogno, un desiderio. Ed è importante, nello stesso tempo, essere prudenti e accorti, ma anche lasciare spazio alla saggezza di Dio, a partire dal progetto, dal sogno. Poiché solo in Lui tutto trova compimento e pienezza. Dacci Signore l’intelligenza, la prudenza e l’umiltà per affrontare la vita insieme a Te. Prego con voi per i poveri.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.