venerdì 4 giugno

di | 3 Giugno 2021

Lc. 5,4-11

4 Com’ebbe terminato di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo, e gettate le reti per pescare». 5 Simone gli rispose: «Maestro, tutta la notte ci siamo affaticati, e non abbiamo preso nulla; però, secondo la tua parola, getterò le reti». 6 E, fatto così, presero una tal quantità di pesci, che le reti si rompevano. 7 Allora fecero segno ai loro compagni dell’altra barca, di venire ad aiutarli. Quelli vennero e riempirono tutt’e due le barche, tanto che affondavano. 8 Simon Pietro, veduto ciò, si gettò ai piedi di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». 9 Perché spavento aveva colto lui, e tutti quelli che erano con lui, per la quantità di pesci che avevano presi, 10 e così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedeo, che erano soci di Simone. Allora Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini». 11 Ed essi, tratte le barche a terra, lasciarono ogni cosa e lo seguirono.

Commento

E’ un brano molto conosciuto e quindi mi soffermo su un particolare. Prendi il largo. L’invito rivolto a Pietro è “conduci fuori nel profondo”. Se questa frase è rivolta a Pietro a maggior ragione possiamo applicare lo stesso versetto a tutta la chiesa. Essa è chiamata, su invito del Signore  ad andare molto al largo. Andare a pescare al largo. Non deve aver paura di entrare nel mondo – il mare, l’abisso è il simbolo del mondo, del male, della perversità, dove si affoga –, non deve bordeggiare per paura. No. “Vai al largo e getta le reti”. È come se al largo, in mezzo alle tempeste e più ancora negli abissi dove ci sono le paure degli uomini la chiesa è chiamata ad arrivare e a calare le reti per tirar fuori uomini dagli abissi della loro vita.  Pietro non aveva pescato nulla e quindi era un po’ fallito, non aveva combinato niente di buono. Allora questo invito è proprio un invito a fidarsi del Signore per riprovare a pescare ancora una volta. Questa volta con il Signore. Ecco dove sta la novità: Gesù ci prende nel fallimento della nostra vita e ci chiede di ripartire con Lui. Il problema fondamentale per la chiesa, per la comunità, per la nostra barca, per questo mondo non è che siamo più o meno bravi, più o meno esperti: è se ascoltiamo oggi la sua Parola.

Preghiamo

Preghiamo per coloro che in qualche modo si sentono falliti nella vita.

2 pensieri su “venerdì 4 giugno

  1. Elena

    E ci viene a cercare… là dove noi siamo, là dove la nostra vita avvizzisce, là dove le speranze sono svanite. Ci viene a cercare e ci ridà quel nutrimento di cui abbiamo bisogno per riportarci in vita, alla luce, alla gioia e allo stupore. Unisco la mia preghiera a quella di tutti voi per chi è sfiduciato e stanco e per le intenzioni custodite nei cuori di ciascuno.

    Rispondi
  2. sr Alida

    Faccio anche mia la riflessione di Elena che ha detto così bene ciò che trova risonanza dentro di me e così pure mi unisco alle intenzioni espresse…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.