quando la vita è affidamento

di | 20 Dicembre 2020

Non ho ancora ben capito i nuovi decreti circa i vari spostamenti durante Natale. Non ho una gran voglia di capirlo, cercherò momento dopo momento di capire che cosa posso e non posso fare. non ho grandi ambizioni natalizie. Invece mi sembra ben più importante riflettere un po’ su quell’ultima parola del tempo di avvento che ci viene proposta: quando la vita è affidamento. Pensare alla fiducia e all’affidamento in questo tempo di fatica è difficile, ma dobbiamo trovare il modo di dare credito al tempo presente e agli uomini di questo tempo. Albert Einstein diceva che: “Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.” Io credo che questo tempo di crisi ci impone di cambiare strada, ma per cambiare strada non possiamo ripetere sempre le stesse cose di prima, dobbiamo fare cose nuove. A Rosciano abbiamo deciso di creare un orto produttivo. Ma se ripeteremo le stesse cose dell’anno scorso non ci sarà mai un orto produttivo. Abbiamo pensato a una nuova forma di chiesa, ma se per fare la nuova comunità useremo le stesse pratiche di prima non cambierà niente. Servono pratiche nuove per fare nuove le cose. E qui entra in gioco la prima riflessione sulla fiducia affidamento. Io non so quali sono le nuove pratiche per un mondo nuovo. Intravedo delle prospettive, dei segnali di luce. Provo a leggere, a capire, a percorrere delle strade nuove, sperimento, cerco di usare la mia fantasia. Ma non basta ancora. Non ho paura di abbandonare vecchie pratiche. Ma non basta ancora. per fare cose nuove serve una squadra che pensa e fa insieme. Una squadra affidabile e affidata. Se vado in classe da solo a parlare faccio il grande, se ci entro almeno in due faccio squadra, comunità.  ma il fondamento della comunità è la fiducia reciproca. Forse già questa fiducia è una cosa nuova da fare. Crescere nella fiducia reciproca è il motore che metterà in atto un cambiamento; crescere nella fiducia è la prima cosa nuova da fare; crescere nella fiducia è l’atto costitutivo di un nuovo mondo e di una nuova chiesa.

Un pensiero su “quando la vita è affidamento

  1. Dania

    Credo nella fiducia che si costruisce ed alimenta giorno dopo giorno e la ritengo fondamentale, nel mio lavoro così come nella vita in generale…
    La relazione di fiducia apre possibilità, genera e rigenera continuamente, aiuta a consolidare buone pratiche e per me è alla base di qualsiasi rapporto… Cerco di dare e chiedo fiducia, sapendo che Qualcuno sempre me la darà. E a Lui anche io cerco di darne ogni giorno

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.